Category Archives: Mamme

royal baby

Royal Baby: regali nascita e battesimo da vip!

È lui il bambino più chiacchierato del momento. L’ultimo arrivato e quinto erede al trono d’Inghilterra con tutti i suoi regali nascita.

Il Principe di Cambridge Louis Arthur Charles.

Royal Baby

Come per il fratello maggiore George e la principessina Charlotte anche per piccolo principe iniziano ad arrivare i primi doni a palazzo.

Cosa avrà ricevuto come regalo di nascita? La curiosità da mamma è tanta. Soprattutto se anche tu come Kate Middleton hai passato gli ultimi mesi col pancione!

Neo-mamma

I regali fatti anni fa a George di Cambridge? Tra regalo nascita, battesimo e primo compleanno il principe ha ricevuto dei bellissimi calchi in argento delle manine e dei piedini. Chi poteva fare un regalo tanto atteso e ricercato? La zia Pippa Middleton.

Anche tu puoi avere calchi o impronte in gesso dei piedini e delle manine di tuo figlio! Inserisci il kit per calchi nella tua lista nascita. Non saranno in oro, platino o argento, ma sarà sempre un bel ricordo da mettere sulle pareti della cameretta del tuo bebè.

baby corona

Tornando ai regali fatti al principino George. Tanto apprezzato è stato quello del nonno Carlo. Il principe ha regalato al nipotino una casa sull’albero all’interno di un giardino incantato privato, con tanto di porticina per avere un po’ di riservatezza durante l’ora di gioco.

Noi comuni mortali possiamo rendere altrettanto felici se non di più i nostri bimbi con una bellissima casetta dove far trascorrere le giornate fantasiose degne di un bambino. Per il terrazzo o per il giardino con Giftsitter puoi scegliere la perfetta casetta dei giochi!

Nonno Carlo all’interno del giardino fatato ha fatto portare un delizioso cottage su ruote con tanto di ingresso e letto reale per la modica cifra di 22 mila sterline!

stupore bimbo

E alla piccola principessina Charlotte di Cambridge? Per la sua nascita sono state appositamente coniate diverse monete per omaggiare la Royal baby. E come regalo nascita?

Non ha badato a nulla l’Australia. Poteva scegliere qualunque tipo di animale. Un cagnolino, un gattino o magari un pony. E invece no. Ha optato per un coccodrillo in carne e ossa! Forse non è proprio il regalo perfetto per una principessa!

O forse si…

coccodrillo e bambina

I piccoli doni reali non sono di certo quello che avevi pensato per tuo figlio. Ciò che vuoi ricevere sono regali utili e pratici per il tuo pargoletto? Sarebbe bello avere a disposizione la famosa culla finlandese con tutto ciò che serve per la prima infanzia, non trovi?

In alternativa scegli la culla a baldacchino o la culla minimal e lineare a seconda dei tuoi gusti e dello stile ricercato. O cosa utilissima per cominciare bene il fasciatoio ultra accessoriato per renderti la vita meno complicata e avere tutto a portata di mano.

Evita di ricevere coccodrilli, moncherini d’argento o regali costosissimi


CREA LA TUA LISTA NASCITA

E per il principino Louis Arthur di Cambridge? Fino a dove si saranno spinti per il perfetto regalo nascita?

Anche se il cesto con oggetti in argento non ha tardato ad arrivare, completo di sonaglino, ciotola, posate, pettinino e candelabri in argento, forse Louis è stato più fortunato dei fratellini.

lista nascita online

A Buckingham Palace sono arrivati come regalo nascita un bellissimo set di personaggi di peluches, due linee di body per neonato in cotone biologico, una collana di libri in edizione limitata e molti giochi in legno.

regalo nascita

Sai che sono tornati di gran moda i giochi in legno? Tanto da farne dono anche al principino. Duraturi nel tempo, adatti sia per il gioco che per l’apprendimento di lettere, forme geometriche, numeri e animali.

Cosa aspetti! Evita i giocattoli super tecnologici e inserisci nella lista nascita i giochi in legno per l’apprendimento del tuo bambino.

Ovviamente i giochi di Louis non sono solo trenini o formine. L’apprendimento c’è, ma non solo in lingua inglese. Il principe giocherà con l’arabo, il cinese, il francese e lo spagnolo. Chi se non un principe poteva iniziare ad imparare tutte queste lingue in fasce.

stanzetta bimbo

Prendi esempio da Kate e William! Loro da genitori reali sanno che imparare le lingue da piccolini facilita l’impresa dell’apprendimento. Per il tuo bambino e per il suo futuro inserisci nella lista nascita online di Giftsitter i giochi per l’apprendimento delle lingue straniere.

Non tutte siamo Kate Middleton. In mancanza della super tata reale, sai come ottimizzare i tuoi tempi e far stare bene il tuo piccolo? Scegli il regalo nascita che più ti serve come lo scaldabiberon da portare ovunque. E chi non vorrebbe un passeggino accessoriato, un seggiolino per la macchina o un seggiolino che si trasforma in un passeggino.

mamma a lavoro

I buoni regalo nelle boutique non sono mancati per il piccolo principe Louis. Di una cifra abbastanza elevata e probabilmente molto apprezzati da mamma Kate.

Diciamolo, i vestitini sono il sogno di ogni mamma, soprattutto se viene regalato un buono regalo di 5 mila sterline!

E anche se non riuscirai a raggiungere una cifra del genere per vestire il tuo bebè per anni e anni, puoi sempre raccogliere le quote regalo nella lista nascita di Giftsitter e spendere l’importo come meglio credi. Tutti in vestiti, tutti in giochini, o scegliere ciò che più ti serve dallo store di Amazon.

STOP a regali inutili! Per il tuo bebè ciò che cerchi è l’utilità


CREA LA SUA LISTA NASCITA

Converti le quote ricevute in buoni Amazon e scegli i prodotti che vuoi ed evitando i regali fatti agli ultimi Royal Baby d’Inghilterra. Dovrai solo ringraziare tutti quelli che hanno contribuito a far arrivare questi splendidi regali scelti da te per il tuo piccolo principe.

neonato e orso

La nascita è passata, e con lei tutto il periodo iniziale col tuo piccolo. Adesso però è il momento di pensare al Battesimo! Crea la lista regalo online con Giftsitter e scegli ciò che più serve a tuo figlio nel periodo dell’infanzia in cui si trova.

Anche Kate Middleton è alle prese con l’organizzazione della cerimonia per quello del principe Louis di Cambridge. La data del battesimo del principino? Sicuramente dopo il wedding day di Harry e Meghan del 19 Maggio! E noi aspettiamo con ansia quest’altro evento reale!

Buckingham Palace

papà e figlio

Come nasce il rapporto padre e figlio?

Il rapporto tra papà e figlio è importantissimo e non si deve trascurare!

A casa con papà? Ecco come gestire al meglio questo importante legame senza ansie da parte della mamma.

Cara mamma, ti sarà capitato causa forza maggiore di dover lasciare tuo figlio a casa e il pensiero che le altre persone non riescano a prendersi cura di lui ti spaventa? E quando l’unica alternativa possibile è quella di dover lasciare vostro figlio solo a casa con papà, allora sì che sale l’ansia! Nella tua mente il pericolo è dietro l’angolo…potrebbe succedere di tutto!

Opzione possibile: troverai casa trasformata in campo di battaglia!

Opzione molto probabile : trovai casa trasformata in un campo di battaglia e tuo figlio con una mise degna di un marine!

Opzione certa: troverai entrambi i “bambini” (papà e figlio) super felici per il tempo trascorso insieme… e la casa trasformata in campo di battaglia!

papà e figli

Quello che è certo è che con l’arrivo di un bambino cambiano principalmente i rapporti del nucleo familiare in tutti i loro aspetti. Ci saranno dei cambiamenti sostanziali nelle dinamiche della coppia e del loro rapporto con il figlio.

      1. Rapporto moglie e marito: la felicità per il futuro da genitori

        Sapere che la tua vita verrà stravolta con l’arrivo di un bambino è un’emozione indimenticabile. Instaurare una forte complicità col partner durante i mesi della gravidanza è di assoluta importanza. Mamma, ti sentirai più coccolata e più al sicuro con tuo marito vicino, pronto per qualsiasi necessità.

        diventare genitori

        Lui si sentirà utile facendoti stare bene, ti aiuterà con commissioni e faccende rafforzando il vostro rapporto di coppia e preparandolo al cambiamento. Si sentirà partecipe della gravidanza fino a quando lo prenderà in braccio per la prima volta instaurando il legame papà e figlio.

      2. Legame mamma e figlio indissolubile sin dal primo istante

        Dal momento in cui scopri di essere incinta il tuo mondo inizia a ruotare attorno a tuo figlio. Un legame talmente forte da mettere lui al primo posto. Dopo il parto, il rapporto si solidifica con l’allattamento e con le cure costanti, cerchi sempre di dargli il meglio, nel cibo e in tutto ciò di cui realmente ha bisogno.

        Il momento della nascita si avvicina! Crea gratuitamente la lista bebè per ogni sua necessità!

         CREA LA TUA LISTA NASCITA

      3. Mamma e papà supportatevi a vicenda in tutto e per tutto!

        Fare la mamma soprattutto durante il primo periodo è un lavoro a tempo pieno. È importante la presenza costante della mamma e del papà, soprattutto quando iniziano le difficoltà, perché ci saranno! Quindi supportatevi e aiutatevi a vicenda!

        Papà, fatti passare tutte le paure! Cambia i pannolini, alzati la notte per la ninna o per le poppate se non è necessaria la presenza della mamma. È vero, l’istinto materno è qualcosa di magico e primordiale. Ma esiste anche un istinto paterno, fatto di amore e giochi.

        legame papà-bimbo

      4. Rapporto papà e figlio: divertimento per loro e ansia per te!

        Il papà di una volta, che mette timore solo con uno sguardo è acqua passata! Si sa, i figli piccoli lasciati a casa con papà si divertono un sacco! Tuo marito riscoprirà il bambino che c’è in lui, giocando e facendo divertire il bimbo con facce buffe, balletti e bernoccoli sempre dietro l’angolo. Tuo figlio scoprirà di avere un padre super, pronto a giocare nel miglior modo possibile, non curante dei pericoli che la mamma di certo avrebbe evitato con fin troppa preoccupazione!

        Lasciare tuo figlio a casa col papà è una scelta di cui ti pentirai appena chiusa la porta di casa, lo sai! Ed è in quel preciso momento che ti sale l’ansia da mamma, perchè sai già cosa troverai al tuo rientro. Opzione A, opzione B, opzione C: il binomio felicità-disastro!

        Tante sono le foto o i video che ritraggono papà e figlio giocare insieme in modi inimmaginabili, dove non si capisce chi è più il piccolo tra i due! Trucchi della mamma usati per disegnare sopracciglia, barbe e pizzetti sul viso paffuto, altalene improvvisate e lanci del bebè che neanche l’ultima partita di rugby! Il divertimento è assicurato! Per loro…

        E anche quando i figli crescono la situazione di certo non migliora. Bambine con capelli acconciati in maniera assurda, che poi mamma dovrà sciogliere tra urla e pianti. Corse sfrenate in casa, giochi d’acqua e battaglie! Prese in giro all’ordine del giorno che poveri figli non sapranno mai. Chi non ha mai visto il video del “Lonfo di Andrea Paris insieme alla figlia?

        Il papà o babbo che dir si voglia, sarà sempre il genitore che si presta al divertimento, vestendosi da fatina e mettendosi in gioco più delle mamme, diciamo la verità. Si immolano come tela per colori a spirito e attacchi d’arte dei figli, giocano a fare le principesse, prendendo insieme tè e biscottini.

        giochi papà e figlia

        Perché ai papà non importa che le persone parlino di loro per strada. A loro importa ciò che pensano i figli. Avere un papà super! Loro saranno sempre più giocherelloni e permissivi rispetto alle mamme…questo è l’istinto paterno!

Il rapporto padre e figlio è da assecondare in tutti i modi

Quindi mamma, lascia più spesso il bebè a casa con il papà! Sarà indispensabile per il suo sviluppo, per rafforzare il legame papà-bimbo e per la vostra felicità. Al tuo rientro trovarli addormentati sul divano dopo un paio d’ore di puro divertimento riuscirà a farti passare l’ansia di averli lasciati soli.

Papà e figlio

sport in gravidanza

Sport in gravidanza: ecco i 5 migliori

Sì allo sport in gravidanza! 5 sport e i loro benefici

È possibile fare sport in gravidanza? Certo che sì! Anche senza essere delle sportive, è importante muoversi! Scopri i 5 sport che danno benefici alla mamma e al bambino.

Pancione con Teddy

Il benessere della mamma durante i nove mesi è fondamentale per far crescere al meglio il bambino. Dall’alimentazione al relax, tutto si trasferisce al feto attraverso le sensazioni della madre. Rilassati e fai rilassare il tuo piccolo con la musicoterapia e tieniti in forma praticando leggeri sport in gravidanza per affrontare al meglio il parto!

È importante evitare stress fisico e mentale, ma senza prendere la gravidanza come una malattia! Sfatiamo questo mito insieme a tanti altri! Praticare un po’ di sport in gravidanza è ciò che serve per stare meglio! Dopo aver effettuato tutti i controlli, e se non hai una gravidanza a rischio, puoi iniziare a informarti sugli sport da poter praticare, e sulla tipologia di esercizi che puoi fare a seconda del tuo trimestre di gestazione.

Per tutti gli sport praticabili è consigliabile un approccio graduale e costante per ottenere i risultati sperati. Grazie al movimento i muscoli si tonificano e si rafforzano, diventando un ottimo rimedio al peso del pancione soprattutto durante gli ultimi mesi.

Durante l’allenamento è fondamentale bere spesso per reidratarsi, fare piccoli spuntini e riposarsi per non affaticarsi. Il corpo materno cambia durante la gestazione, dal respiro ai battiti cardiaci, per questo devi prestare attenzione ed evitare lo sforzo.

Come non ingrassare in gravidanza?

Se sei una persona allenata puoi continuare a fare movimento anche nei mesi della gravidanza cambiando però tipologia di allenamento. E se non hai mai fatto sport? Nessun problema! Informati sulle discipline che puoi e vuoi fare. Non dimenticare però di farti seguire costantemente dal medico e da istruttori per ogni problema o curiosità!

Non sai quali sono i benefici dello sport in gravidanza? Scoprili con noi! Ecco i 5 sport da praticare col pancione:

  1. Acquagym
  2. Pilates
  3. Yoga
  4. Camminata
  5. Palestra
  1. Acquagym in gravidanza: i benefici del movimento in acqua

    Lo sport in acqua da sempre è considerato uno sport completo. Allena tutti i muscoli del corpo, migliorando elasticità, circolazione e controllo del peso, tutti benefici che la mamma vuole per affrontare al meglio i mesi di gestazione. Beneficio primario è anche il relax che la pratica dell’acquagym dà alla mamma grazie al rumore rilassante dell’acqua e ai movimenti lenti praticati.

    Acquagym in gravidanza

    Inizia da una corretta respirazione per vivere al meglio l’allenamento. Durante la gravidanza il corpo cambia e cambia anche il modo di respirare, è importante quindi farsi seguire da un istruttore che sappia come comportarsi in caso di necessità.

    L’assenza della forza di gravità in acqua aiuta ti aiuta nel fare movimenti ripetuti senza gravare sulle articolazioni. Galleggiando è possibile assumere, soprattutto negli ultimi mesi, posizioni comode e sicure, stare supina senza che il peso gravi sulla schiena, sulla vena cava e quindi senza causare calo di pressione. Non ultimi per importanza sono i benefici per la circolazione. Grazie alla pressione dell’acqua, si alleggerisce la pesantezza di gambe e caviglie. Inoltre, praticare questo sport in gravidanza aumenta l’ossigenazione del sangue della mamma migliorando anche la crescita del feto.

    Beh, che dire. Muoversi in acqua è veramente uno sport completo, anche col pancione!

    Non hai ancora pensato a cosa farti regalare per la nascita del tuo piccolo? Richiedi denaro in modo elegante con Giftsitter!


    CREA LA TUA LISTA NASCITA

  2. Pilates per prepararsi al parto

    Il Pilates è una disciplina che mira a rafforzare la colonna vertebrale, allenando e allungando i muscoli della colonna e migliorando l’equilibrio posturale. Proprio per il suo obiettivo è consigliato come sport in gravidanza, quando la crescita della pancia e del seno porta a farti assumere posture errate per stare in equilibrio!

    Già dai primi mesi è importante seguire corsi di pilates per rendere il proprio corpo più elastico in preparazione dei cambiamenti fisici, rafforzando anche il diaframma e migliorando la respirazione.

    Pilates in gravidanza

    Con gli esercizi del pilates, alleni i muscoli lombari e la colonna, utile allenamento per la preparazione al parto, rafforzando soprattutto i muscoli della zona pelvica. L’equilibrio del corpo in costante cambiamento è tenuto in continua osservazione, ricercando sempre la giusta postura per bilanciare il peso. Contemporaneamente al benessere fisico, entra in gioco quello della mente, dandoti il relax necessario durante i nove mesi di gravidanza.

  3.  Come dormire meglio in gravidanza?  Yoga per il benessere del corpo e della mente

    Più che uno sport, lo yoga è considerato una disciplina per distaccare il corpo e la mente da ciò che ci circonda. Durante la gravidanza è importante allenare il tuo benessere psicofisico per poter trasmettere questo senso di pace al bambino. Praticare yoga aiuta anche a riposare meglio! Il corpo e la mente sono più rilassati, stimolando il riposo notturno. Puoi seguire corsi di yoga per donne in gravidanza fin dall’inizio della gestazione o continuare a praticarlo se già lo praticavi.

    yoga in gravidanza

    Obiettivo di chi pratica yoga come sport in gravidanza è rilassare la mente, imparare a respirare e ritrovare il benessere col proprio corpo in evoluzione. È importante durante i mesi di gravidanza fare yoga, ma ancora più importante è farlo dopo il parto per cercare di controllare emozioni, paranoie, attacchi di panico e soprattutto depressione.

  4. Camminare è per tutte!

    Non hai mai fatto sport e non sai da dove cominciare? Camminare non ha mai fatto male a nessuno! Per il benessere del corpo e della mente, aiuta a rilassarsi e pensare a se stesse. Al parco, in strada, nei centri commerciali, al mare o in campagna, l’importante è scegliere un percorso sicuro e un abbigliamento adeguato per evitare cadute o distorsioni.

    sport in gravidanza

    La camminata come sport in gravidanza aiuta ad attivare la circolazione periferica, diminuisce i gonfiori alle gambe, rinforza i muscoli del corpo ed in particolare quelli della zona pelvica e come tutti gli sport tiene il peso sotto controllo.

  5. Palestra in gravidanza sì, ma con moderazione!

    La palestra, intesa come aerobica leggera, può essere un utile sport in gravidanza se viene praticato con attenzione. È importante anche in questo caso la presenza di un istruttore che sappia come e quando svolgere determinati esercizi a causa del continuo cambiamento del baricentro e del peso sul proprio corpo. Palestra fai da te solo se conosci i movimenti giusti da fare! Meglio evitare grandi pesi a corpo libero e movimenti ripetuti per troppo tempo che possano provocare il fiato corto. In gravidanza il diaframma si alza per far spazio all’utero, quindi respira in modo corretto per il benessere di entrambi. Il consiglio migliore? Fai piccole serie con pochi pesi e se puoi usa macchinari che guidano tua la postura.

Con lo sport il tuo corpo si prepara ad affrontare l’intera gravidanza nel modo migliore! Il gran giorno si avvicina, pronta a diventare mamma?

Con Giftsitter.com per la nascita ricevi solo ciò che realmente serve per il tuo bambino, evitando regali doppioni. Crea la tua lista bebè, invia il link ai tuoi amici e gestisci il denaro raccolto in modo elegante come meglio credi!

I tuoi amici saranno felici di sapere come possono rendersi utili con un click! Giftsitter è gratissicuro e senza vincoli di tempo e di spesa! Prendi il denaro quando vuoi e compra ciò che serve al tuo bambino nei tempi giusti!

Con Giftsitter ricevi solo ciò che ti serve! È gratis e senza vincoli!


CREA LA TUA LISTA NASCITA

Asilo e bimbi

Come scegliere l’asilo giusto per tuo figlio?

A.A.A. Asilo cercasi!

Hai già scelto l’asilo per tuo figlio? Il mestiere di genitore non è semplice, soprattutto all’inizio quando devi fare per loro delle scelte che li segneranno per la vita. Una delle prime, più importanti decisioni da prendere quando i bambini sono ancora piccoli è proprio quella della scelta dell’asilo!

Come scegliere l’asilo giusto?

Ci sono degli aspetti in particolare a cui dovrai fare attenzione nella scelta della scuola dell’infanzia del tuo piccolo. Vediamo insieme quali sono gli elementi più importanti da valutare.

Quello in cui tuo figlio andrà all’asilo sarà il primo vero e importante momento in cui ti distaccherai da lui, sarà per lui un momento di stress e tu sarai assalita da mille preoccupazioni, proprio per questo motivo dovrai essere meticolosa e attenta nella scelta. Sarebbe il massimo se riuscissi a trovare una soluzione che faccia sentire i bimbi sereni in un ambiente accogliente cosi da farti stare tranquilla durante le ore scolastiche.

Asili pubblici o privati?

Preferisci affidarti a strutture pubbliche o private? Un fattore determinante nella scelta di una tipologia piuttosto che l’altra dipende anche dai costi e quindi dalle possibilità economiche che hai.

Scuola materna

6 consigli per fare la scelta giusta

Seguendo i consigli che ti darò potresti essere fortunata e riuscire a trovare una scuola pubblica che possa soddisfare le tue aspettative, o perfino superarle, cosí non sarai costretta a dover sostenere delle pesanti spese economiche per pagare l’asilo.

  1. Visita gli spazi: valuta che la struttura non sia troppo vecchia, che sia un luogo adatto ai bambini, che non vi siano ambienti che possano mettere in pericolo il bambino. Osserva la divisione degli spazi e chiedi di potere vederli tutti, bagni, sale, mensa. Attenzione! È fondamentale che l’igiene regni sovrana.
  2. Ogni cosa al suo posto: Nel limite del possibile, anche l’ordine è importante, ma non essere troppo rigida, ricorda sempre che è un posto dove i bambini giocano e mai potrà essere tutto in ordine.
  3. Fai domande: Sciogli tutti i dubbi che ti sorgono. Informati su tutte le attività che la scuola offre, gli orari, i pasti. Chiedi della mensa, se c’è un’area pranzo adibita dove poter consumare il cibo, o se invece c’è una mensa interna, e se le insegnanti sono presenti al momento del pasto.
  4. Confrontati: chiedi pareri agli altri genitori, consulta internet e leggi le opinioni che trovi sul web.
  5. La prima impressione: è importante seguire anche le prime impressioni. Le prime sensazioni, suscitate ad esempio dal clima che si respita nell’ambiente, o dall’attenzione data ai bambini, potranno aiutarti nella scelta; non sottovalutare inoltre un altro aspetto: le educatrici ti tramettono sicurezza e ti ispirano fiducia?
  6. Provare per credere: Ottima possibilità sarebbe quella di partecipare a degli open day, se vengono organizzati, per vedere bene da vicino, come funziona l’asilo, come vengono scandite le giornate dei bambini, come vengono trattati.

È importante capire come le maestre si rapportano ai i bambini, dopo i fatti accaduti negli ultimi tempi sarete molto più apprensive, sicuramente non lascerete facilmente il bene più prezioso della vostra vita nelle mani di persone sconosciute che non ritenete abbastanza affidabili!

Non sottovalutare le competenze del personale scolastico! Sarebbe bene che ci sia in ogni classe un numero proporzionato di bambini per ogni educatrice, cosi che tutti i bambini possano essere seguiti nella maniera adeguata!

Hai mai sentito parlare del metodo Montessori? Consiste nel rendere i bambini autonomi sin da piccoli. Ci sono delle strutture nel mondo che incarnano interamente questa scuola di pensiero. Kate e William d’Inghilterra hanno scelto questa tipo di scuola per il piccolo George.

Asili con le telecamere? Perchè no! Questo potrebbe essere l’elemento chiave che potrebbe spingervi a scegliere una struttura piuttosto che un’altra!

Gli spazi esterni? Sarebbe veramente bello poter scegliere un istituto che abbia un giardinetto dove i bambini abbiano la possibiità di poter giocare nelle giornate con temperature più miti.

Asili con giardino

Osservati e valutati bene bene tutti questi aspetti, va considerata anche la collocazione. In genere le mamme preferiscono sempre scegliere una scuola materna che sia facile da raggiungere e vicina a casa o al posto di lavoro.

Il compleanno del tuo piccolo si avvicina? Scegli la lista regalo adatta. Prova Giftsitter!


CREA LA TUA LISTA REGALO

Mamme casalinghe

E tu, che mamma sei?

Che tipo di mamma vuoi essere per il tuo bambino?

Sai qual è il mestiere più difficile al mondo? La mamma!!!  La figura che spontaneamente ci viene in mente pronunciando questa parola è quella della classica donna che cresce i figli, si occupa della casa, accudisce il marito ed è la tutto fare della casa e della famiglia.

In realtà oggi con l’evolversi della società il ruolo della mamma è un po’ cambiato. Ci sono donne in carriera che desiderano ugualmente costruire una famiglia e avere dei bambini, altre che decidono di portare avanti la gravidanza nonostante siano single e altre ancora che decidono di fare figli anche in età più avanzata.

Mamma casalinga

La mamma che non lavora è sicuramente dedita al 100% ai figli, ma ciò è sempre un bene? Ci potrebbero essere dei risvolti negativi nell’essere una mamma casalinga, sia per lei che per il bambino.

Dietro la scelta di una donna che ha deciso di occuparsi dei suoi figli a tempo pieno c’è la rinuncia di una donna a proseguire la propria carriera lavorativa. E se questa stessa mamma si pentisse di non aver proseguito con i suoi progetti di ragazza ambiziosa, e per questo diventasse una mamma frustrata e nervosa? Questo inevitabilmente potrebbe generare un clima teso e quindi poco adatto per la crescita serena dei piccoli.

E se il bambino crescesse in maniera troppo dipendente dalla mamma non maturando autonomia e responsabilità?

Mamme casalinghe

 

Mamme in carriera

Essere mamma e donna in carriera non è affatto semplice! La combinazione di questi due elementi non è facile da gestire: non di rado capita che una mamma che lavora non può essere presente e attenta nella vita del proprio bambino tanto quanto potrebbe esserlo una mamma casalinga; così i bimbi vivono più a contatto con i nonni o le tate oppure passano lunghe giornate negli asili nido.

Spesso le mamme, per supplire a questa mancanza nella vita del figlio, cercano di compensare ricoprendoli di regali; purtroppo però l’affetto di un genitore non può essere sostituito dai beni materiali.

Nonostante ciò, è giusto che una donna ricca di ambizione e intraprendenza, dopo anni di sacrifici per lo studio e per raggiungere il successo lavorativo, possa realizzarsi per godere del frutto dei suoi sforzi. Da un certo punto di vista, inoltre, questa ulteriore entrata economica per la famiglia darebbe al bambino la possibilità di avere un’istruzione di un certo livello, e una qualità di vita migliore e più alta di quella che potrebbe avere una famiglia con meno possibilità.

Che mamma sei?

Certe volte quella di mamma in carriera è una condizione “costretta” e non esattamente voluta, infatti di questi tempi purtroppo è dura arrivare a fine mese; in questi casi non si tratta di ambizione ma semplicemente di necessità.

Non è sempre detto che i figli soffrano dell’assenza dei genitori! Le mamme lavoratrici affermano che ciò che conta davvero è la qualità e l’intensità  del tempo trascorso con i bambini.

 Single e mamma

E se poi devono anche occuparsi di fare da papà? Non sono poche le ragazze che decidono di diventare mamme anche se non hanno un compagno o se rompono una relazione. Decidono di adottare un bimbo o di optare per il metodo dell’inseminazione artificiale e portano avanti una gravidanza, oppure scelgono di crescere da sole un figlio nonostante il distacco dal padre.

Scelta coraggiosissima, perché se già di per sé essere mamma non è semplice, figuriamoci assumersi tutte le responsabilità di entrambe le figure genitoriali. Ancora peggio se oltre ad essere mamme single molto probabilmente saranno anche lavoratrici!

Diventi mamma? Vorresti una lista nascita che si adatti alle tue esigenze? Scegli Giftsitter


CREA LA TUA LISTA NASCITA

Mamme a tutte le età?

C’è una giusta età in cui diventare mamme? Oppure a qualsiasi età si è libere di soddisfare il bisogno di procreare? Sicuramente Gianna Nannini direbbe che non c’è nessun problema nel diventare mamme a 50 anni! Beh, potrebbe essere anche giusto, ma in realtà non pensate che si possa creare confusione nei bambini?

Il bambino, figlio della mamma cinquantenne, probabilmente non avvertirà stranezze dato che per lui è la normalità dalla nascita. Ma i compagni di classe che diranno? Diventare genitori ad un’età avanzata ha i suoi pro e i suoi contro: essi avranno meno pazienza nel crescere i figli e soprattutto meno energia fisica, elementi fondamentali per un genitore, specialmente nelle prime fasi della vita del bimbo.

Mamme e figli

Perfino il parto è più difficoltoso per le donne più grandi. Nei primi mesi i bambini hanno l’esigenza di essere tenuti in braccio o magari non dormiranno la notte, e quando dovranno imparare a camminare? E quando saranno più grandi dovranno essere seguiti, accompagnati a scuola, alle attività extrascolastiche. Questo per dire che di pari passo ai vostri piccoli crescerete anche voi. Sicuramente una mamma grande sarà una grande fonte di saggezza ed esperienza.

A prescindere che sia casalinga, lavoratrice, single o d’età avanzata, ogni madre senza dubbio amerà il suo pargolo in maniera smisurata cercando di dare il massimo e desiderando per lui il meglio.

E tu che mamma sei?

torta-primo-compleanno

Primo compleanno: come scegliere la torta?

Ci siamo! È il momento di scegliere la torta del primo compleanno!

Il tuo bebè sta crescendo ed è arrivato il momento di cominciare ad organizzare la sua prima festa di compleanno. La torta di compleanno è la cosa più importante di questa prima candelina.

Al giorno d’oggi per scegliere il dolce perfetto hai l’imbarazzo della scelta.  Pasta di zucchero, classiche torte di panna, cupcake gigante. Insomma c’è davvero una lista infinita di tipi di torte tra cui optare.

Qual è la torta perfetta per il primo compleanno?

Ti aiuterò dandoti qualche idea su quelle più scelte tra cui potresti trovare quella più adatta a te.

Torte in pasta di zucchero o cioccolato plastico

Le torte che per adesso stanno facendo più successo e suscitano più stupore sono le quelle in pasta di zucchero o in cioccolato plastico, perché è possibile modellare questi ingredienti come più si preferisce. Si può realizzare qualsiasi cosa desideri. È possibile creare torte di ogni genere, con le forme e i colori più belli e particolari. Se sei un’amante del fai da te e vuoi prepararla, sono in commercio gli utensili e i coloranti per lavorarla. Basta un pizzico di fantasia, un po’ di pazienza e buona volontà e la tua torta sarà cosi bella che ti sembrerà un peccato tagliarla per offrirla ai tuoi invitati.

Torta-primo-compleanno-pasta-di-zucchero

Smash Cake

È la torta più divertente che puoi scegliere per il tuo bambino. È appositamente creata perché il bambino possa divertirsi a giocarci come vuole, affondando le sue manine tra panna, pan di spagna e crema e sporcarsi come se non ci fosse un domani, sicuramente sarà molto divertito e ne usciranno delle foto spettacolari.

Foto di www.pianetamamma.it

Foto di www.pianetamamma.it

Cup Cake, Cake Pops e Macarons

Un’idea innovativa è quella di fare tanti cup cake. Sono originali e andrebbero a sostituire la classica torta di panna. Tutti colorati, di diversi tipi, possono rappresentare diversi soggetti: animaletti, fiori e pupazzetti, possono essere decorati con la pasta di zucchero, fiocchetti di panna o zuccherini colorati devi solo dare spazio alla fantasia. Con una bella composizione sembrerà una vera e propria torta.

E se facessi un cup cake gigante? Sarebbe una novità incredibile e sorprenderesti tutti i tuoi invitati!

Anche i cake pops sono un idea carinissima e coloratissima. Potresti sistemarli con gli stecchi in una base di polistirolo ben decorata: saranno deliziosi da gustare e belli da vedere.

I macarons, famosi e sfiziosissimi dolcetti di origine francese, sono un’altra gustosa e particolare alternativa per creare una struttura che abbia proprio la forma di una classica torta. Puoi decidere di usare quelli con i gusti e i colori che più ti piacciono.

Se sei tradizionalista e non vuoi rinunciare alla classica torta puoi sempre tenere in considerazione l’idea di fare cup cake, cake pops e macarons come dolcetti a prescindere. I bambini saranno molto curiosi di assaggiarli gli sembrerà un gioco buonissimo.

Con questi graziosi dolcetti potrai pensare anche ai tuoi invitati che hanno intolleranze, allergie o particolari preferenze alimentari. Puoi farne di diversi tipi: gluten free, vegan, per gli intolleranti al lattosio e in genere per qualsiasi tipo di problema.

Dolcetti-primo-compleanno

La torta con panna: un evergreen!

Un classico che non muore mai, è proprio lei, la classica signora!

  • Pan di Spagna: bianco, al cioccolato, con farine particolari, con la frutta secca, al rum.
  • Crema: di qualsiasi gusto tu preferisca, con frutta a pezzi, al cioccolato o con scaglie, chantilly.
  • Copertura: panna montata, glassa, frutta, gelatina, smarties.

Ecco  perchè questa è una delle soluzioni preferite! Puoi decidere di “assemblarla” secondo i tuoi gusti, avendo infinite prelibatezze tra cui poter scegliere. Sbizzarrisciti con le forme e le decorazioni più belle: il numero uno gigante, uno degli elementi a tema con la festa, o il personaggio preferito dal piccolo.

Cerchi un’idea che lasci tutti a bocca aperta? La rainbow cake è davvero cromaticamente bella da vedere. Come farla? Semplicissimo, basta solo colorare l’impasto dei vari strati con i colori dell’arcobaleno.

Rainbow-cake-primo-compleanno

Se il compleanno è in estate puoi optare per una freschissima torta a gelato o un semifreddo, anche se è un idea un po’ poco pratica, deve essere tagliata e servita abbastanza rapidamente agli invitati per non rischiare che i tuoi invitati la debbano bere piuttosto che mangiare.

Torta di compleanno fai da te o no?

Qualunque sia la tipologia di torta che preferisci, se sei una vera cuoca provetta, puoi pensare di preparare la torta: sicuramente un ingrediente che non mancherà nel tuo dolce sarà  l’amore di mamma.

Se invece i fornelli, i forni, il cake design non sono esattamente i tuoi migliori amici ,puoi decidere di affidarti alla tua pasticceria di fiducia o ad una vera e propria cake designer. Nella nostra sezione Partysitter puoi cercare il professionista più vicino a casa tua, puoi vedere delle foto dei suoi lavori e delle volte c’è anche chi è disponibile a fartela assaggiare, cosi da essere sicura di spendere bene i tuoi soldi, di fare una bella figura ma soprattutto di gustare una deliziosa torta.

Il compleanno del tuo piccolo si avvicina? Crea la lista regalo su Giftsitter.com!


CREA LA TUA LISTA COMPLEANNO

E le candeline?

Al primo compleanno si deve spegnere la candelina perfetta! Quindi anche la scelta delle candeline deve essere accurata. Ce ne sono di tanti tipi di diverse dimensioni e colori: lunghe, corte, a zig zag, le fontane flambè, quelle a numero, quelle magiche che non si spengono, quelle con i personaggi o quelle che formano la scritta buon compleanno. Come vedi anche con le candeline hai una vasta scelta.

candele-primo-compleanno

Bene adesso che ti ho dato qualche idea sei pronta per scegliere la torta per il primo compleanno del tuo bambino! Qual è la tua scelta?

Nomi per bambini

Come scegliere i nomi per bambini?

Durante la gravidanza un interrogativo frequente tra i pensieri della mamma è la scelta del nome per il proprio piccolo: davvero un’ardua impresa!

Quando sei in procinto di iniziare a cercare il nome adatto per il tuo bambino devi assolutamente munirti di carta, penna, ma, soprattutto, tanta pazienza e fantasia! Preparati ad affrontare dei lunghi dibattiti con il papà per sostenere la tua idea: si sa, è possibile che inizialmente non avrete gli stessi gusti o gli stessi criteri secondo cui scegliere. Per non parlare di mamme, nonne, suocere che avranno sicuramente qualcosa da ridire su ogni proposta di nome!

Come se decidere il nome fosse semplice, non devi dimenticare di tenere a mente le regole previste dalla legge italiana (articoli 34 e 35 del decreto n. 396/2000) al riguardo:

  • non puoi decidere di dare al bimbo il nome del papà, del fratellino o della sorellina se già ne ha;
  • il genere del nome deve essere adeguato al sesso del bambino;
  • il nome completo può essere composto da massimo tre elementi più il cognome;
  • al momento della firma dovranno essere scritti tutti a meno che tra i nomi ci siano le virgole e quindi in quel caso, per firmare e per i certificati, basterà soltanto il primo nome.
  • non puoi usare un cognome come nome proprio;
  • sono concessi nomi stranieri, purché siano scritti con lettere dell’alfabeto italiano utilizzando J, K, X, Y, W.

Bene, adesso che conosci queste dritte legali sei pronta per iniziare la maratona della “scelta”.

Abbiamo creato proprio per te, futura mamma confusa, un’infografica con i venti nomi per maschietto o femminuccia più gettonati in Italia. Tra questi potresti trovare quello che ti piace, prendere spunto e usare delle varianti.

Nomi bimbo bimba

Come scegliere il nome perfetto?

Immagina di lasciar fare al fato e pescare un nome a caso dal “sacchetto dei nomi” oppure scegliere seguendo varie linee di pensiero. C’è chi cerca l’esclusività, chi omaggia qualcuno dei propri cari, chi sceglie per etimologia e significato, chi per originalità e chi per moda e tendenze.

Fai attenzione al suono: deve essere piacevole quando viene pronunciato vicino al cognome. Puoi optare per nomi che riescano a produrre un suono allitterante in abbinamento al cognome, oppure che richiamino anche solo una una parte del cognome (la prima lettera o qualche sillaba).

Un consiglio che mi sento di darti è quello di pensare ad nome semplice da pronunciare e che sia di facile comprensione: pensa al futuro e trova quello che non lo metterà nella condizione di dover fare lo spelling o di non essere capito dai compagni di classe o, da grande, nel settore lavorativo.

Quando la tua scelta ricade su nomi troppo lunghi immagina anche il diminutivo che poi, inevitabilmente, finirà per essere usato sia da te che dagli amici. Soprattutto nell’età adolescenziale potrebbe essere deriso e soffrirne.

Sempre su questa linea, fai attenzione a non abbinare nomi lunghi con cognomi altrettanto lunghi o viceversa eccessivamente troppo corti: cerca di mediare trovando una soluzione equilibrata.

Ricorda che il primo biglietto da visita di tuo figlio per tutta la vita sarà presentarsi a chi non lo conosce, quindi, assolutamente banditi i nomi troppo bizzarri e strambi. Il nome inoltre è una scelta di fondamentale importanza, racchiude l’essenza dell’individuo, come se ne raccontasse alcune caratteristiche, particolarità uniche che lo riguardano.

È famoso il caso di quella coppia genovese che voleva chiamare il proprio figlio Venerdì, sì, proprio come il personaggio di Robinson Crusoe. La Corte di Cassazione confermò la decisione del Tribunale e della Corte d’Appello di cambiare il nome scelto dai genitori perché considerato  “ridicolo” e, ovviamente, non adatto. Avendo consultato il calendario, il bambino quindi fu registrato all’anagrafe con il nome di Gregorio, il santo del giorno.

Bebè in vista? Scegli Giftsitter, l’unica lista nascita che non ti costringere a spendere tutto il denaro raccolto in un unico negozio!


CREA LA TUA LISTA NASCITA

Significato dei nomi e etimologia: come orientarsi?

Informarsi sull’etimologia e il significato dei nomi potrebbe essere una mossa che giocherebbe in tuo favore. Puoi aiutarti leggendo un libro, trovi facilmente Il libro dei nomi su Amazon.

Qualche esempio tra i più comuni?

  • Andrea: uomo virile, coraggioso;
  • Laura: alloro, cinta d’alloro;
  • Emanuele: “Dio è con noi”;
  • Sara: principessa, regina, signora;
  • Gabriele: fortezza di Dio o eroe con l’aiuto di Dio;
  • Sofia: sapienza, sapere, saggezza, scienza, conoscenza;
  • Marco: consacrato e dedicato a Marte, dio della guerra;
  • Alice: di nobile e bell’aspetto;
  • Luca: luce;
  • Alessia: colei che protegge o salva;
  • Sergio: curatore, guardiano, amministratore;
  • Giulia: discendente di Giove;
  • Fabrizio: artigiano, lavoratore;
  • Federica: ricca di pace;
  • Irene: pace.

Un consiglio? Non fatevi condizionare troppo dal significato di ogni singolo nome che vorreste dare al nascituro. Il rischio che si può correre è quello di buttare via la lista dei nomi preferiti che avevi stilato solo perché il significato ti sembra non adatto. Potresti addirittura o cambiare idea riguardo a un nome che avevi scelto perché l’etimologia o il significato o anche entrambe di un nome ti hanno delusa o avere soddisfazione nel renderti conto che un nome che prediligevi rispecchia le caratteristiche che vorresti per il nome di tuo figlio.

Nomi per bambini

Omaggiare qualcuno chiamando il tuo bambino con lo stesso nome.

Le coppie più tradizionaliste seguono l’usanza di dare ai loro pargoli i nomi dei nonni, questa opzione dà un senso di tradizione, rispetto e stima  nei confronti dei genitori.

Le coppie più giovani in genere tendono di più a scegliere nomi originali, che non sono compresi nella cerchia dei nomi visti un po’ come “vecchi” dei nonni, optano per questa scelta solo se il nome gli piace veramente oppure lo scelgono come secondo nome.

Non toglierti lo sfizio di scegliere un nome soltanto perché lo associ a qualcuno che non ti fa particolarmente simpatia, il tuo bebè è una nuova vita che sta per venire al mondo, un essere assolutamente speciale e unico e ogni persona che abbia quello stesso nome dall’istante stesso il cui il tuo scricciolo emetterà il primo vagito sarà una nullità in confronto a questo miracolo della vita che ti è stato regalato.

Il tuo bimbo o la tua bimba con il nome da star

Tuo figlio con un nome in voga adesso o con quello di un vip? Bella? Anastasia? Kim? Si, sarebbe carino, però pensi seriamente che possa piacere a tua figlia essere chiamata cosi?

I Vip ad esempio scelgono per i loro figli dei nomi davvero originali e poco sentiti. Sono ormai famosissimi i casi di Chanel Totti, Nathan Falco Briatore, Oceano Elkan.

App e tecnologia aiuto!

Negli ultimi decenni anche Internet e in generale i mezzi di comunicazione di massa hanno fortemente influenzato i neogenitori riguardo la scelta dei nomi dei loro figli: grazie a questi strumenti ogni giorno veniamo a contatto con nomi di ogni sorta provenienti da tutto il mondo, che spesso ci affascinano

Se ancora non sei riuscita a trovare quel nome che credi sia perfetto per tuo figlio puoi anche scaricare delle App dedicate come: Baby Name Wizard, Kick to Pick (per iOS) o Kick to Name (per Android), Il nome del mio bambino, Nome del bambino in 2.

Ma sai qual è il metodo infallibile per scegliere il nome del tuo piccolo?

Aspettare di vedere il tuo bebè per farti ispirare dal suo dolce faccino.

E tu? Che nome hai scelto?

valigia per il partocosa mettere prima di andare in ospedale

Valigia per il parto, cosa mettere?

Sta per arrivare il momento del parto ed è buona consuetudine non ridursi all’ultimo minuto nella preparazione della valigia da portare in ospedale che contenga tutto l’occorrente per il piccolo e per la mamma.

Quando prepararle la valigia per il parto?

Iniziare a preparare il borsone troppo presto è da maniache del controllo, ma neanche interessarsene all’ultimo minuto è consigliabile. L’ultimo mese prima della data prevista la mamma è abbastanza stanca ed è meglio ridurre lo stress al minimo. Dunque, è consigliabile cominciare a pensare a raccogliere il necessario per sé e per il bebè già a partire dalla metà del settimo mese di gravidanza. Meglio non farsi cogliere impreparati nel caso in cui il piccolo dovesse “decidere” di nascere in anticipo rispetto alla data presunta. Scegliete un posto comodo e a portata di mano per poter riporre la valigia.

Cosa mettere in valigia per la mamma

  1. Le camicie da notte sono essenziali. È consigliabile averne almeno tre. Una di queste servirà per il parto ed è essenziale che sia corta e aperta sul davanti. Scegliete un tessuto leggero e traspirante come il cotone. In previsione del momento dell’allattamento, anche le altre due camicie dovranno essere aperte sul davanti,  comode e prive di decorazioni e paillettes che possono infastidire e graffiare il neonato (brillate già con il vostro bimbo in braccio, non avete bisogno di fronzoli).
  2. Una vestaglia di lana o di cotone, a seconda della stagione, per gli spostamenti in ospedale.
  3. Asciugamani di varie dimensioni (almeno 3).
  4. Pantofole.
  5. Mutandine alte in vita comode e con elastici morbidi, in grado di contenere bene senza, però, comprimere. In commercio potete trovare anche quelle usa e getta e assorbenti igienici.
  6. Essenziale la guaina post-parto per contenere i muscoli addominali. Non cedete alla tentazione di metterla solo un paio di giorni per poi abbandonarla. Sì, è vero la fascia contenitiva è un po’ scomoda, ma è regolabile e aiuta a rimettersi in forma prima.
  7. Tre reggiseni da allattamento con le coppe in cotone, apribili e regolabili. Acquistateli di una taglia in più rispetto a quella indossata durante la gravidanza, perché al momento della montata lattea il seno aumenta notevolmente di volume, anche di una taglia.
  8. Dischetti assorbenti usa-e-getta per le coppe.
  9. Sacchetto per riporre la biancheria sporca.
  10. Un sapone neutro, latte detergente, shampoo, fazzoletti di carta e una soluzione disinfettante per l’igiene intima.
  11. Documenti, tessera sanitaria, esami ed ecografie effettuati nel corso della gravidanza.

valigia per il parto mamma e bebè

Cosa mettere in valigia per il bebè

Ovviamente l’ospedale fornirà una lista dettagliata del necessario per il piccolo. Questa è solo una lista orientativa di cosa dovrete avere necessariamente.

  1. Quattro tutine o spezzati a manica lunga in cotone o lana in base alla stagione in cui partorirete.
  2. Quattro body a manica corta indipendentemente dalla stagione.
  3. Pannolini prima misura.
  4. Salviette detergenti umidificate.
  5. Il necessario per la medicazione del moncone ombelicale.
  6. Tre bavaglini, i neonati tendono a sbrodolarsi nei primi momenti in cui imparano a ciucciare dal seno.
  7. Ciuccio, anche se non è detto che vostro figlio lo userà.
  8. Calzini o scarpine di cotone o in lana.
  9. Lenzuolini di cotone.
  10. Copertina di cotone o in pile (dipende dalla stagione).
  11. Accappatoio per neonato.
  12. Pettinino per capelli.
  13. Sapone neutro e creme e olii lenitivi (fatevi consigliare dal medico o dal farmacista).

Ovviamente queste sono solo alcune delle cose che servono all’arrivo di un nuovo, piccolo e tenero componente della famiglia. Ci sono tantissime cose che dovrai comprare man mano che il neonato cresce. L’ideale è una creare una lista nascita e, se non vuoi essere vincolata a rivenditori e prezzi, ti consigliamo la lista nascita online di Giftsitter.com.


CREA LA TUA LISTA NASCITA

L’articolo è finito! Leggi gli articoli più letti del nostro blog per organizzare al meglio l’arrivo del 

 

 

musica in gravidanza

Musica in gravidanza, benefici per mamme e bambini

Musicoterapia in gravidanza: care mamme, teniamo il ritmo!

Che la musica faccia bene all’umore è indubbio, che però possa portare benefici durante la gravidanza è una questione ancora aperta. Secondo un nuovo studio pubblicato dalla National Academy of Sciences, la formazione musicale precoce può aiutare i bambini a sviluppare una vasta gamma di competenze percettive, e può aiutarli nello sviluppo del linguaggio. Anche nel pancione?

Sì, assolutamente. Ascoltare la musica durante il periodo di gestazione può regalare emozioni molto forti alle future mamme. Trovandosi in un periodo dove si è più sensibili alle diverse sonorità, le donne in gravidanza reagiscono diversamente in base alla tipologia di emozione comunicata dal brano musicale.

I ricercatori del Max Planck Institute di Leipzig hanno condotto un esperimento su  un campione di donne in stato interessante e hanno aggiunto alla playlist sia musiche rilassanti, piacevoli, movimentate, fastidiose o tristi. Analizzando le reazioni di ciascuna si dimostra come le donne incinte manifestavano una maggiore fastidio ai suoni sgradevoli, e traendone grande beneficio e piacere da quelli più piacevoli e armonici. Una vera scoperta che aiuterà le future mamme a rilassarsi e vivere con armonia i mesi di gravidanza.

musica in gravidanza

La musica in gravidanza porta benefici anche ai bambini?

La musica può fungere da coccola per il feto. I sentimenti provati dalle mamme sono strettamente legate a quelle del bambino. Ogni sensazione ed emozione provata dalla mamma viene trasmessa al piccolo, quindi è bene circondarsi di elementi che rendano piacevole ogni momento.

Lo studio precedentemente citato condotto dal Max Planck Institute, conferma questa teoria affermando che anche “i feti percepiscono la musica nel grembo materno e che, dunque, la musica risulta essere uno stimolo speciale per le donne in gravidanza”. Inoltre si è notato come nel terzo trimestre di gravidanza, la frequenza cardiaca fetale inizia già a cambiare quando il feto percepisce una canzone familiare.

Quale musica ascoltare?

Sfatiamo il mito della musica classica! Ascoltate semplicemente la musica che vi piace, quella che vi rende felici, vi fa ballare di gioia. Sicuramente il vostro piccolo ballerà insieme a voi!

___________________________________________

E per questo nuovo arrivo in famiglia avete già pensato alla lista nascita?

Giftsitter.com è la lista nascita da gestire in piena autonomia. Scoprite di più visitando il nostro sito.

 

Battesimo-famiglia-copertina

Come organizzare il battesimo perfetto

Il primo momento importante: il battesimo

Per le neo mamme sono tanti i momenti attesi dopo la nascita del piccolo. Ancor prima dell’ansia del primo compleanno, tutte le mamme si trovano ad affrontare un evento molto importante: il battesimo. Oggi il team di Giftsitter vi aiuterà a programmare uno dei giorni più importanti in tre mosse.

Quante cose a cui pensare: bisogna scegliere la data, ordinare le bomboniere e la torta, prenotare la Chiesa e infine organizzare il rinfresco. Niente paura mamme, ci pensa Giftsitter!

Il battesimo è senza ombra di dubbio, se credenti, il primo evento importante dopo la nascita del nuovo arrivato. Proprio per questo la famiglia tiene ad avere un giorno perfetto.

1. La scelta della Chiesa

Bisogna prima di tutto interrogarsi sulla Chiesa nel quale si vuole celebrare il Battesimo. Potrete scegliere se rivolgervi alla vostra parrocchia, sperando di trovare la data da voi scelta libera o fare richiesta per celebrare questo avvenimento in una Chiesa a voi più gradita. Non dimenticate l’importanza nella scelta del padrino o della madrina, il quale compito sarà quello di guidare il nascituro nel percorso spirituale e non della vita.

battesimo-chiesa-famiglia

2. Le bomboniere

La scelta delle bomboniere deve essere molto attenta e precisa, ricordate che rappresenteranno il ricordo di questa giornata che lascerete agli invitati. Ma soprattutto è bene pensare a qualcosa che non venga gettato al rientro in casa degli invitati. Che spreco! Allora perché non optare per bomboniere solidali?  Potrete così evitare ogni tipo di critica ed essere ammirati per l’aiuto fornito a diverse associazioni che operano nel campo umanitario.

Battesimo-Bomboniere-solidali-famiglia

3. Il rinfresco

Per il rinfresco potrete scegliere tra due opzioni: ristorante o fai da te? Questo dipenderà solo ed esclusivamente da voi e dal numero di invitati. Provate a stilare una lista degli invitati e pensato a ciò che vogliate ci sia nel menu. Per la torta? Ovviamente rigorosamente a tema! Sono tantissime le idee che potrete raccogliere anche navigando su internet. Come sempre la parola chiave sarà: originalità! Ricordate che questa sarà la prima torta del vostro piccolo.

Battesimo-torta-ricevimento-famiglia

La lista battesimo?

Il nostro consiglio è sempre lo stesso! Evitare i doppi regali avvisando amici e parenti della lista online creata su Giftsitter.com. Se preferite potrete creare una vera e propria lista dei desideri rendendola variegata nei prezzi e negli oggetti. Ogni invitato potrà scegliere di mettere la propria quota in pochissime e semplici mosse. Ricorda che Giftsitter è la lista online che ti permette di gestire il denaro raccolto in piena libertà. Cosa aspetti? Entra nel nostro sito e scopri tutti i vantaggi!


CREA LA TUA LISTA BATTESIMO