Monthly Archives: February 2016

29 febbraio

Il dramma vissuto dai nati il 29 febbraio

C’è un dramma che affligge l’umanità, qualcosa a cui pochi sanno dare una spiegazione e accade ogni 4 anni: “ma i nati il 29 febbraio festeggiano ogni 4 anni?”.

Perché esiste l’anno bisestile?

Si tratta di un giorno in più, 366 anziché 365 e viene aggiunto perché non avvenga uno slittamento delle stagioni. Mantenendo sempre 365 giorni, si accumulerebbe ogni 4 anni un giorno di ritardo. Nel 46 a.C., Giulio Cesare introdusse un giorno in più ogni 4 anni per pareggiare i conti con le sei ore che rimanevano in più ogni anno secondo i calcoli dell’astronomo Sosigene di Alessandria. Papa Gregorio XIII con la bolla papale del 1582 Inter gravissimas eliminò tre anni bisestili ogni 400, all’inizio del secolo. Ci si era accorti di uno slittamento in avanti aggiungendo sempre un giorni ogni 4 anni e la Pasqua rischiava di andare in estate. In quell’anno si saltò di colpo dal 4 al 15 ottobre.

Ma nonostante la spiegazione scientifica, nessuno si dà pace e appena qualcuno scopre che un loro conoscente è nato il 29 febbraio subito scatta la gara a chi la dice più grossa. Cari amici nati in questo giorno, quante volte avreste voluto dare una testata in testa a chi si beffava di voi perché nati il giorno più “latitante” della storia di tutti i tempi? Tranquilli, ecco come reagire alle battutacce. Perché a volte, se la gente ci fa delle domande che consideriamo stupide l’unica soluzione è rispondere con la stessa arma.

Ecco le domande più stupide che i nati il 29 febbraio devono sorbirsi ogni volta che qualcuno scopre la loro data di nascita.

gif-excuse-me-wtf-omg-dafuq-say-what-what-gif

1. “Compi gli anni ogni 4 anni?” – Riposta: “sì, non a caso in quinta elementare ero considerato un enfat prodige … avevo solo 2 anni e mezzo”.

2. “Anno bisesto, anno funesto!” – Risposta: “sto per scagliare una maledizione contro di te, fossi in te, scapperei”.

3. “Sei nato il 29 febbraio? Impossibile!” – Risposta: “io credo che sia impossibile che tu sia nato”.

4. “Ma quindi negli anni non bisestili festeggi il 28 febbraio o l’1 marzo?” – Risposta: “lo vuoi sapere perché vuoi essere invitato?”

Adesso avete tutte le risposte e, se siete nati il 29 febbraio, vogliamo solo dirvi l’ultima cosa:

BUON COMPLEANNO!

terme-italia

Le terme più belle d’Italia completamente gratuite

Via lo stress e immergetevi nel relax!

Stressati dalla vita frenetica di tutti i giorni? Vorreste scappare un fine settimana e farvi coccolare? Ecco, ci vuole una bella vacanza alle terme. Chiudete gli occhi. Immaginate vasche di acqua termale e senza spendere cifre esorbitanti potrete usufruire della bellezza che ci ha dato la natura. Sì, parliamo di terme naturali ad ingresso libero: praticamente relax a costo zero.

Ecco la lista delle Terme gratuite più belle d’Italia.

  1. Terme Cascate del Mulino di Saturnia, Toscana

Le terme di Saturnia sono sicuramente tra le più belle. La leggenda narra di una diatriba tra Saturno e Giove, il quale provando a scagliare un fulmine contro l’acerrimo nemico, mancando il colpo, abbia formato le meravigliose vasche termali.

terme-gratuite-saturnia

  1. Terme Bullicame di Viterbo, Lazio

Si tratta di una piscina termale di oltre 2000 metri e l’acqua termale che sgorga dalla sorgente di Bullicame è ricca di proprietà terapeutiche.

bucallime

  1. Terme San Filippo, Toscana

Le acque delle vasche termali Bagni di San Filippo hanno un forte potere depurativo sulla pelle e vantano di un paesaggio sorprendente.

san-filippo-1

  1. Terme Petriolo, Toscana

Alle sponde del fiume Farma, esistono vasche termali naturali dove è possibile immergersi in totale tranquillità, in un’oasi incontaminata immersa nella natura.

terme-di-petriolo

  1. Masse di San Sisto, Lazio

Grazie ad una residua attività vulcanica del sottosuolo la zona di Viterbo è piena di zone termali naturali. Non a caso i Romani, grandi cultori del benessere e amanti delle terme, costruirono in questa zona ben 14 stabilimenti. Le Masse di San Sisto presentano più vasche a differenti temperature. L’acqua di queste terme è perfetta per curare le affezioni dell’apparato respiratorio e le malattie della pelle.

terme_viterbo_le_masse_di_san_sisto

  1. Terme Grotta delle Ninfee, Calabria

La Grotta delle Ninfee porta questo nome per via di un’antica leggenda. Si racconta che la grotta calcarea fosse abitata da splendide ninfee e custodiva il talamo di Calipso. Questa suggestiva piscina termale si trova nel cuore di un bosco secolare a Cerchiara in provincia di Cosenza.

grotta delle ninfe

  1. Terme Libere Bormio, Lombardia

N nel cuore delle Alpi, in Lombardia, si trova Bormio. È inutile dire che d’inverno lo spettacolo delle terme non ha eguali. Una vasca fumante circondata da candida neve, dove rilassarsi ammirando lo splendido panorama.

vasche-leonardo-bormio

  1. Terme Vulcano, Sicilia

La Sicilia, oltre al suo meraviglioso mare, offre splendide Terme a cielo aperto dove poter fare lunghi bagni in acqua sulfurea, circondati da fumarole, a due passi dal mare cristallino delle Eolie. Relax gratuito e benessere tutto naturale dato dai vapori di zolfo, toccasana per l’apparato respiratorio. Inoltre si potranno anche fare i fanghi che aiutano moltissimo le articolazioni.

vulcano

Preparate le valigie, il relax vi aspetta!

acconciature-sposa-capelli-sciolti-2016-3

Capelli sciolti, l’ultima tendenza per l’acconciatura da sposa

Capelli sciolti: semplicità e stile per l’acconciatura da sposa

Basta con le acconciature elaborate e che, per via delle infinite forcine, ci fanno venire il mal di testa. La nuova tendenza per l’acconciatura da sposa è naïf, semplice e naturale: i capelli sciolti al naturale.

Soprattutto se si ha una bella chioma fluente, se già l’abito è ricco di dettagli elaborati e scenografici o, semplicemente, si desidera un’acconciatura elegante ma semplice e di classe, optare per i capelli sciolti è la soluzione più in voga del momento. Un po’ di movimento, linee ondulate per incorniciare il volto, qualche onda per ottenere una pettinatura che dà quel tocco di shabby o boho che non guasta mai.

Con i capelli sciolti stanno benissimo anche le coroncine di fiori, meglio se freschi e abbinati al bouquet, che rappresentano il vero trend del 2016. Non più dettagli preziosi, con brillanti e strass, ma la romantica floral crown, per una sposa un po’ naïf, romantica e amante della semplicità.

Capelli-sciolti-acconciatura-sposa-coroncina-di-fiori-rosa

Il risultato è uno styling semplice e raffinato per una sposa che vuole stupire con eleganza. 

cose_che_ti_mancheranno_dopo_la_laurea

Le 5 cose che ti mancheranno dopo la laurea

Ci sono cose che mancheranno a tutti dopo la laurea, anche le più impensabili

Caro studente universitario stressato e provato dalle sessioni d’esami, so che non ci crederai mai, ma arriverà il momento in cui diventerai nostalgico e comincerai a rimpiangere i bei tempi passati. Non ci credi?

Ecco cinque cose che ti mancheranno dopo la laurea:

5. Le lezioni universitarie che consideravi inutili

Quante volte hai pensato “a cosa serve studiare questa materia per il mio corso di studi?” Ebbene sì, arriverai al punto di capire che proprio quel piccolo paragrafo del manuale della materia x tanto odiata, letto di sfuggita e con poco interesse, è l’argomento che devi approfondire per il tuo primo lavoro. Lo so, ti sembra assurdo, ma è successo a tutti.

4. Un professore speciale

Nel percorso universitario di ogni studente si incontra almeno una volta un professore speciale. Uno di quelli che guardi con ammirazione, che vorresti imitare nelle esperienze lavorative e che staresti ore e ore ad ascoltare. Ti do un consiglio, anche dopo la laurea non perderlo di vista, potrà darti ottimi consigli e spunti per il tuo futuro.

3. I gruppi di studio

Ricorderai con piacere tutti i pomeriggi passati a studiare con il tuo gruppo di studio, perché tra un paragrafo e l’altro, tra una risma di appunti e un momento “ripetizione compulsiva” avrai condiviso con il tuo gruppo di colleghi i momenti più belli e avrai costruito i rapporti più veri e sinceri di tutto il percorso universitario,

Laurea libro aperto

2. Gli esami

Non urlare con le braccia al cielo dicendo “signore questa è pazza”. É vero che gli esami nella vita non finiscono mai, ma quelli universitari hanno qualcosa in più. Dopo lo stress, le ore di studio matto e disperatissimo, l’adrenalina un attimo prima dell’esame e la soddisfazione per aver riempito un’altra riga nel libretto universitario non hanno eguali. Ti troverai a raccontare aneddoti su quelle o quell’altro esame e ti scapperà anche un sorriso, perché? Semplicemente hai dimostrato a te stesso di avercela fatta nei momenti di sconforto e difficoltà. Se hai superato tutti quegli esami puoi fare tutto nella vita!

1. Il giorno dopo l’esame

Eh sì, quel piacere immenso nel sapere “oggi ozio perché me lo sono meritato” è impagabile. Caro studente universitario il giorno dopo l’esame goditelo finché puoi!

Queste sono le cose che ti mancheranno dopo la laurea. Provare per credere!

P.s. Dopo la laurea concediti un po’ di svago, un bel viaggio o uno sfizio. Insomma fatti fare un bel regalo.

Se vuoi una mano a realizzare i tuoi sogni, fatti aiutare da Giftsitter!


SCOPRI GIFTSITTER

Lista nozze online giftsitter regalo nozze

Perché scegliere una lista nozze online?

Giftsitter.com è lista nozze online gratis che va incontro a qualsiasi esigenza degli sposi

Nell’organizzazione di un matrimonio la lista nozze è uno degli step fondamentali. Sì, perché non c’è niente di più bello che ricevere ciò che si desidera realmente, invece che lasciare tutto al caso e ritrovarsi con regali doppioni o che non incontrano i gusti personali degli sposi.

Nessuno vuol riempire il proprio nido d’amore di cianfrusaglie brutte e non in linea con lo stile scelto, per questo motivo, indipendentemente da cosa si scelga come lista nozze, è fondamentale che questa venga personalizzata il più possibile per evitare brutte sorprese.

Però, tra tutte le possibilità del caso, di sicuro la lista nozze online è la soluzione migliore. Noi, ovviamente vi proponiamo la nostra: Giftsitter!

Cos’è Giftsitter?

Giftsitter.com è la lista nozze che offre un’innovazione totale nella gestione dei regali per il vostro matrimonio. Infatti, grazie a Giftsitter potete creare una lista nozze online gratuitamente. Rispetto ad altri competitor, Giftsitter non chiede nessuna forma di pagamento per la creazione o il mantenimento dell’apertura della lista regalo. C’è chi dice che la propria lista regalo costa “un caffè al giorno”, beh, Giftsitter nemmeno quello!

Grazie ad un gestionale interno al sito web e ad un sistema di notifiche tramite email, gli sposi saranno sempre informati sull’andamento del versamento delle quote regalo, decidendo quindi quando e come spendere il denaro raccolto. Non a caso, il grande vantaggio sta nel fatto di poter gestire liberamente la cifra raccolta, senza alcun vincolo, richiedendo anche il prelievo dell’intera somma sul proprio conto. Sì, finalmente siete voi a decidere come e quando spendere il denaro raccolto. Nessuno vi obbliga a comprare oggetti di cui non avete bisogno.

lista nozze Giftsitter

Qual è la nostra idea di lista nozze?

Siamo fermamente convinti che nella vita i regali più belli siano le persone. Vogliamo che gli sposi e gli invitati si godano appieno il giorno del matrimonio senza stress e ansia da regalo. La lista nozze di Giftsitter.com è pratica, veloce e senza vincoli!

Non vi abbiamo ancora convinti? Ecco 5 motivi per cui vale la pena scegliere Giftsitter:

1. Non far perdere tempo ai propri invitati: sapete quanto è snervante dover trovare il tempo per andare a versare la quota nella lista nozze nel negozio scelto? Volete davvero obbligare i vostri invitati ad occupare interi pomeriggi per il vostro regalo? Con una lista nozze online le quote regalo si versano comodamente da smartphone, pc o tablet, in qualsiasi momento, senza stress e senza perdere tempo. In pantofole sul divano di casa, durante la pausa pranzo o qualche minuto prima che inizi la lezione di pilates: non c’è nessun impedimento e ogni momento è quello giusto per fare il regalo e togliersi il pensiero.

2. Amici lontani sempre più vicini: il matrimonio è un evento così importante che anche chi vive ormai altrove vuole essere partecipe. Che riescano o meno a raggiungervi il giorno delle nozze, riuscire a fare un regalo per la coppia è un modo per sentirsi più vicini. Non esistono barriere geografiche, tutti potranno contribuire a costruire il vostro sogno!

3. Servizio completamente gratuito: come vi abbiamo già detto, con Giftsitter.com creare una lista nozze online non ha alcun costo. Che la lista rimanga attiva per due mesi o sei, la lista è gratis e rimarrà tale.

lista nozze

4. Nessun obbligo di spesa: contrariamente a quanto accade per le liste nozze tradizionali in negozio o in altre liste sul web, la lista nozze online proposta da Giftsitter.com non obbliga gli sposi a spendere il denaro accumulato all’interno di un esercizio fisico. Giftsitter, infatti, funge da salvadanaio: gli invitati versano la loro quota regalo e gli sposi possono decidere in piena libertà cosa fare del denaro raccolto, anche ricevere l’intera somma sul proprio conto corrente o spendere parte o l’intera somma sul nostro store interno in partnership con Amazon.

5. Realizzare i propri sogni: che si tratti del viaggio di nozze, degli elettrodomestici per la casa, dell’arredamento, il viaggio di nozze o mettere dei soldi da parte per il futuro, tra gli oggetti desiderati da poter inserire nella lista non c’è limite, tutto è possibile con Giftsitter.com.

Come creare una lista nozze con Giftsitter.com?

La lista regalo si crea in poche semplici mosse, basta registrarsi, creare l’evento, dargli un titolo, scrivere una descrizione. L’attivazione è immediata e non sarà necessario installare alcun software per accedere al servizio. Una volta creata, la lista nozze può essere personalizzata con foto e oggetti desiderati che potranno essere inseriti manualmente o scegliendoli dal nostro store interno in partnership con Amazon. Attenzione, nessuno vi obbliga a comprarli!

La semplice lista di nozze online non vi basta? Perché non creare un sito matrimonio?

Giftsitter vi dà la possibilità di creare anche il sito web per il matrimonio collegato alla lista nozze online per rendere il grande giorno davvero unico! Attraverso il sito potrete condividere i momenti più emozionanti della vostra storia d’amore insieme agli invitati. Non preoccupatevi se non avete alcuna competenza informatica! Creare un sito matrimonio con Giftsitter è davvero un gioco da ragazzi: si sceglie tra i temi già pronti che è possibile aggiornare, modificare e personalizzare con pochi e semplici click. Aggiungere nuovi elementi alle pagine è semplicissimo: basta trascinarli sul tuo sito ed il gioco è fatto!

Davvero conveniente, non credete?

Ora non resta che scoprire il mondo di Giftsitter.com e farvi regalare i vostri sogni!


CREA LA TUA LISTA NOZZE

Le 10 città da visitare nel 2016 secondo Lonely Planet

10 città da visitare in giro per il mondo tra le quali una italiana!

Secondo la famosissima casa editrice australiana Lonely Planet nel 2016 vi sono ben 10 città assolutamente da non perdere. Un giro del mondo in lungo e in largo, dove non possiamo non trovare almeno una meta in Italia (il Bel Paese è sempre in voga).

Ecco la classifica delle 10 città da visitare nel 2016 pubblicata nel Best In Travel 2016:

1. KOTOR, MONTENEGRO

Finalmente qualcosa di nuovo! Kotor, una città della repubblica del Montenegro situata sulla costa adriatica, è stata per 300 anni sotto la Repubblica di Venezia che ne ha fortemente influenzato l’architettura, non a caso il centro storico è Patrimonio dell’Unesco. La costa è protetta da una serie di profondi bacini, le Bocche di Càttaro che penetrano per 28 chilometri e costituiscono il più ampio porto naturale dell’Adriatico.

10-città-da-visitare-nel-2016-kotor-montenegro

2. QUITO, ECUADOR

La capitale ecuadoriana si trova a 2.850 metri di altitudine, nella parte occidentale delle Ande, ed è la seconda città più elevata dopo La Paz. Fu la prima città dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1978, insieme a Cracovia, in Polonia. La città negli ultimi anni si sta trasformando velocemente. Intorno alle costruzioni coloniali del 1600 stanno sorgendo infrastrutture dell’ultimo secolo colorate dall’alto numero di street artists presenti nella città. Insomma un ottimo mix fra nuovo e antico.

10-città-da-visitare-nel-2016-quito-ecuador-t

3. DUBLINO, IRLANDA

Vi sembra che vistare Dublino nel 2016 sia scontato? Beh, non proprio. Quest’anno si celebrerà il centenario dell’insurrezione della Pasqua del 1916: il primo grande evento che portò alla nascita della repubblica irlandese. Sono in programma celebrazioni, festival ed eventi lungo tutto l’anno. Inoltre, è inutile dire quanto la città irlandese sia una tra le più amate dai giovani. Se andate a Dublino non perdete la Guinness Storehouse, votata di recente migliore attrazione turistica d’Europa, e il celebre ponte Ha’penny Bridge.

10-città-da-visitare-nel-2016-dublino-irlanda-t

4. GEORGETOWN, MALESIA

Anche Georgetown è patrimonio dell’Unesco. Inoltre, negli ultimi tempi si sta guadagnando il titolo di capitale della creatività e dell’arte moderna. Un miscuglio ben riuscito tra street art e tradizione cinese.

Malaysia-Georgetown

5. ROTTERDAM, OLANDA

Di sicuro capitale dell’architettura futuristica. Essendo stata completamente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, grazie alle geniali menti di artisti visionari come Rem Koolhaas e Erick van Egeraat Rotterdam ospita alcune delle strutture più innovative nel panorama mondiale.

Markthal-Rotterdam-Still-3-definitief

6. MUMBAI, INDIA

Un vero colosso, la città di Mumbai è davvero gigantesca e conta più di 14 milioni di residenti. Oggi è chiamata la Maximum City d’India poiché è la capitale della moda, della finanza e del cinema del Paese. Non a caso Mumbai è la città che più di tutte sta godendo del boom economico indiano, tanto da essere ormai considerata una metropoli alla pari di New York.

10-città-da-visitare-nel-2016-mumbai-india-t

7. FREMANTLE, AUSTRALIA

Città portuale dell’Australia occidentale, Fremantle è un compatto gomitolo di strade con classici edifici vittoriani ed edoardiani. è una vera e propria attrazione turistica per via della vita notturna. La città è piena di locali con la musica live, i bar hipster, gli hotel boutique. Ormai soprannominata la “capitale della controcultura”.

Australia

8. MANCHESTER, REGNO UNITO

Dopo Londra ed Edimburgo, Manchester è diventata la terza meta turistica del Regno Unito. La città è il classico esempio di una località brutta diventata bella. Il governo inglese ha stanziato un ingente capitale per la costruzione di teatri, gallerie e biblioteche. Il simbolo di questo nuovo periodo è The Factory: un centro polifunzionale che sarà sede del Manchester International Festival.

manchester

9. NASHVILLE, STATI UNITI

Nashville è la capitale della country music americana. Camminando per le strade della Lower Broadway, oltre alla musica dal vivo, si assiste alla continua inaugurazione di palazzi, musei e ristoranti.

nashville5.jpg

10. ROMA, ITALIA

Poteva mancare una meta in Italia? Assolutamente no. E cosa c’è di meglio della Città Eterna. Si sa, Roma non passa mai di moda.

Roma

E voi, quale meta vorreste visitare quest’anno? Qualsiasi essa sia, vi diamo un consiglio, fatevi regalare il viaggio tramite Giftsitter.com. Provare per credere!

single_a_san_valentino

Single a San Valentino: corso di sopravvivenza per non cedere

Goodbye tristezza e malinconia. Si può stare bene a San Valentino anche da single.

Ebbene sì, è arrivato quel periodo dell’anno in cui si indossano le lenti rosa, tutto ci sembra bello e la città ci parla d’amore se non fosse che…. siamo SINGLE. La vita in solitaria è bella, rilassante, ci fa sentire liberi, ma a San Valentino le nostre convinzioni di “single incalliti” possono un po’ vacillare. Coppiette innamorate ovunque, scatole di cioccolatini nelle vetrine, ristorantini romantici che propongono il loro menu per la grande serata rigorosamente a lume di candela, frasi sdolcinate e dichiarazioni smielate. E noi? A casa in solitudine? No, non va bene, non dobbiamo cedere e abbandonarci alla tristezza.

Come tutto nella vita basta semplicemente avere un piano d’attacco. Ecco il nostro:

1. Commiserazione vai via. Non essere una Bridget Jones ubriaca sul divano in pigiama che intona a gran voce All by Myself. Vietato piangersi addosso e pronunciare frasi patetiche del tipo: “non mi ama nessuno”, “rimarrò per sempre solo/a”, “la vita è ingiusta”. Sai bene che non è così: essere single non significa essere soli. L’amore ha mille sfaccettature e hai molto da condividere con tutte quelle persone che ti vogliono bene.

2. Hai voglia di un regalo? Fattelo da solo! Sicuramente riuscirai a scegliere ciò che desideri realmente e non avrai la casa popolata da terribili peluche spelacchiati che abbracciano improbabili cuori rossi. Dai, ragiona, chi vorrebbe una roba del genere a casa? (A proposito di regali indesiderati, conosci Giftsitter? Potrebbe essere la soluzione a tutti i problemi).

single_a_san_valentino

3. Voglia di tenerezza? Coccolati! Vai in una Spa per un massaggio rilassante, fai un bel bagno caldo a casa circondata da candele profumate, vai dall’estetista o dal parrucchiere per farti bella, invece se sei un uomo…beh, potresti stare ore e ore a far ciò che ti piace senza che nessuno ti giudichi o si lamenti: playstation, fumetti, film d’azione. Il tempo è tuo e fai ciò che ti pare. Il segreto è dedicare quel giorno solo a te: esisti tu e solo tu e non c’è niente di più bello.

4. Viaggio in solitaria? Assolutamente sì. Non ce la fai proprio a vedere tutte le coppiette sbaciucchiarsi e dichiararsi amore eterno, fai un biglietto e parti, dove non importa (per questo ti consiglio un’app nuova e divertente che riesce a trovare voli a prezzi stracciati: Tripoow). Viaggiare da soli non è triste e se non ci credi in questo articolo ti do ben 50 motivi per farlo.

5. Cenetta romantica? No grazie. Meglio una festa con gli amici. I veri amici non ti abbandonano mai e anche se sono fidanzati riusciranno a non farti pesare che sei single. Organizza una grande festa e chissà, magari incontrerai proprio l’anima gemella a questa feste e, anche se non la incontrerai, almeno avrai passato una serata piacevole e divertente.

Post1

Sei ancora triste di essere single a San Valentino? Se sì, tieni duro, è un solo giorno e passa in fretta!

Grandi progetti futuri da realizzare!


SCOPRI GIFTSITTER

national+pancake+day1

Via il Carnevale, avanti il Pancake Day

Il Carnevale Inglese e il Pancake day

Siete tra quelli che odiano il carnevale con tutte le loro forze? Comprensibile per molte ragioni, ma “basta un poco di zucchero e la pillola va giù” ed arriva l’alternativa: non festeggiate il carnevale ma il Pancake Day come da tradizione britannica!

Il Martedì Grasso (in inglese Shrove Tuesday) nei paesi anglosassoni si festeggia un carnevale davvero particolare. Essendo l’ultimo giorno prima della Quaresima, il periodo dedicato al digiuno e alla penitenza per la religione cristiana, gli inglesi si son inventati questa bella ricorrenza. Considerati i quaranta giorni di astinenza che dovranno affrontare, mangiano tanti Pancake Day.

La bizzarra festività proviene dall’usanza di finire entro questo giorno tutti i cibi grassi vietati durante la Quaresima: le massaie infatti usavano tutte le uova ed il burro che avevano in casa per preparare delle deliziose frittelle.

Ancora oggi nel Regno Unito, in Irlanda del Nord ed in numerosi altri paesi in tutto il mondo, il Pancake Day è una giornata all’insegna del divertimento, dei giochi e del cibo, ovviamente.

Il gioco più conosciuto e divertente del Martedì grasso è la corsa dei Pancake. Nei villaggi e nei paesi le donne si sfidano competizione alquanto bizzarra, devono, infatti, correre fino in chiesa con in mano una padella con una frittella calda. La vera prova di abilità, però, è lanciare almeno tre volte il pancake prima di completare la gara. La vincitrice serve il suo pancake al campanaro, che la ricompensa con il bacio della pace.

pancake_day

L’origine di tale gara si deve ad una storia popolare. Si racconta che ad Olney, nella regione inglese del Buckinghamshire, una donna stava cucinando le frittelle per il Martedì Grasso, era ancora in cucina quando sentii le campane suonare. Non volendo arrivare in ritardo per la messa, la donna corse in chiesa con il suo grembiule e la padella ancora in mano.

Che ne dite, sposiamo anche noi italiani questa bella usanza dei Pancake?

matrimonio_a_tema_alice_nel_paese_delle_meraviglie

Matrimonio a tema Alice nel Paese delle Meraviglie

Cappellaio Matto, Bianconiglio e Regina di Cuori: pronti per le nozze a tema?

L’ultima tendenza in fatto di temi per le nozze è quella di ispirarsi alle fiabe e ai grandi classici. Alice nel Paese delle Meraviglie è di sicuro una delle più ambite e affascinanti. Chi non ha immaginato almeno una volta di potersi ritrovare nel paese delle meraviglie per rincorrere il Bianconiglio, rispondere alle domande strampalate (o forse non tanto) del Brucaliffo o prendere un tè insieme al Cappellaio Matto?

Impossibile non rimanere a bocca aperta davanti alle meraviglie che questa storia ci racconta. Dunque, organizzare le nozze in tema “Alice nel paese delle meraviglie” può essere l’idea giusta per sbalordire i vostri invitati (grandi e piccini).

L’ideale per questo tema è un ricevimento informale, di tendenza e ricco di tanti particolari. Pronti a scoprire tutto il necessario per un effetto wow?

Colori

Per quanto riguarda i colori ovviamente prediligete quelli pastello, magari accostati all’oro e all’argento che ricordano le decorazioni della ceramica o l’orologio dorato del Bianconiglio. Se invece volete osare di più, o siete dei fan della regina di cuori, allora fatevi ispirare dalle carte da gioco francesi e usate colori bianco, nero e rosso.

Abito da sposa

Siete più Alice con colori tenui e tulle svolazzante o una accattivante regina di cuori? Lo stile è tutto!

alice nel paese delle meraviglie matrimonio

E per lui… qualche dettaglio

Cilindro da cappellaio? Sicuramente sì. Ma se non siamo troppo stravaganti? Allora basta un piccolo dettaglio per rimanere in tema come la boutonniere.

alice-nel-paese-dele-meraviglie-boutonniere

Fiori e bouquet

Farfalle e fiori colorati (anche di carta) possono fare la differenza.

bpuquet di farfalle

Partecipazioni

Come sempre, quando si sceglie il tema del matrimonio deve essere una costante in tutto. Quindi, se il tema è Alice nel paese delle meraviglie allora le partecipazioni di nozze non possono essere anonime e classiche ma devono rispecchiare il tema da voi scelto. Ovviamente, data la varietà di possibili ispirazioni dettate da romanzo non c’è che da sbizzarrirsi.

momentaldesigns.com

momentaldesigns.com

Non tralasciate nulla e fatevi ispirare dai personaggi e estrapolate qualche dettaglio: orologi, carte da gioco, bigliettini con scritto “aprimi”, “mangiami”, “bevimi”, chiavi, tazze, teiere e fiori.

etsy.com

etsy.com

Ambientazione

Non potete organizzare un ricevimento a tema Alice nel paese delle meraviglie se non fate attenzione all’ambiente che vi circonda. Le ambientazioni ideali per valorizzare al meglio il tema saranno sicuramente quelle esterne, quindi nel momento in cui cercate il luogo dove svolgere la cerimonia prediligete le location con un giardino fiorito in modo da ricreare meglio l’atmosfera del capolavoro di Lewis Carroll. Un banchetto di nozze stile sala da tè per un allegro e bizzarro Cappellaio Matto è ciò che serve. Fondamentali saranno tanti dettagli, frivolezze e, ovviamente, cercate di uscire un po’ dagli schemi e bruciate qualche regola del bon ton.

alice

Cartelli lungo il percorso, fiori colorati e orologi e tazze da tè che pendono dagli alberi. Questa potrebbe essere una bella idea anche per il Tableau de mariage.

tableau-mariage-alice-nel-paese-delle-meraviglie

La tavola

Tavoli tondi, quadrati e rettangolari: non c’è bisogno di simmetria e precisione, usate anche sedie diverse fra loro, in una parola “OSATE”: siete nel paese delle meraviglie, qui tutto è possibile. Arricchite la tavola con libri, chiavi, candelabri, orologi da taschino, sveglie antiche e, ovviamente, le immancabili tazze da tè e teiere.

matrimonio_a_tema_alice_nel_paese_delle_meraviglie

Intrattenimento

Invitati annoiati? Assolutamente no! Un photobooth con travestimenti a tema Alice è l’ideale.

catchmyparty.com

catchmyparty.com

Torta e Sweet Table

Lo sweet table rigorosamente a tema Alice nel Paese delle Meraviglie è ciò che vi serve per un buffet di dolci inimitabile. Dolciumi di ogni genere, caramelle, cupcake a tema, biscotti, cake pops e ovviamente confetti colorati.

tavolo dolci
prettylittlebaby.co.uk

E la torta? Che dire, fatevi ispirare da questa!

jamiebakescakes.co.uk

jamiebakescakes.co.uk

Cosa ne pensate? Non è davvero un tema splendido per le vostre nozze?

trentenni_eroi

Trentenni, una generazione di eroi e nostalgici

Trent’anni e non sentirli

Bamboccioni? Assolutamente no! Non me ne vogliano tutti quelli nati negli anni ’90, ma noi, i nati negli anni ’80, abbiamo una marcia in più. Non ci credete? Cercherò di spiegarvi tutte le motivazioni che mi hanno portata a convincermi di ciò (e no, non sono di parte perché sono una trentenne anche io).

I trentenni sono una generazione di sopravvissuti

keep-calm-you-have-30-yearsSì, sopravvissuti per miracolo, aggiungerei. Chi durante nelle giornate afose d’estate non ha mai utilizzato il mitico “Cristal Ball”, non curante dell’odore fortemente chimico che emanava quella sostanza? Chi, durante i lavoretti scolastici, non ha letteralmente sniffato l’unica e inimitabile “colla coccoina”? E poi, a corto di oggetti tecnologici “infernali” che tengono incantati davanti a uno schermo i ragazzini di oggi, noi giocavamo in strada, non avevamo mamme terrorizzate per rapimenti “alieni”. Noi giocavamo a nascondino e si faceva seriamente: si poteva rimanere ore e ore in un angolino buoi pur di vincere (salvo poi accorgersi che i tuoi amici erano andati al bar a prendere un gelato non curanti della tua assenza). Noi giocavamo a pallavolo e la rete era in cancello di casa. Noi giocavamo allo “Schiaffo del soldato”, è vero, eravamo tutti terrorizzati dal “compagnetto cresciutello” che somigliava a un armadio, ma continuavamo a giocare. Masochisti? Non saprei, sicuramente dei perfetti “survivor”.

I trentenni sono una generazione di nostalgici

Superati gli “enta” si comincia ad arricchire il proprio vocabolario con degli intercalare fissi “ti ricordi quando…”, “quando ero piccolo…” per poi concludere con il famigerato “bei tempi”. Ragazzi ammettiamolo, a chi non uscirebbe una lacrimuccia ripensando a “Giochi senza frontiere” in tv per poi dire al ventenne di turo “ah, che ne potete capire voi?”.

I trentenni sono una generazione multitasking

Ok, so cosa state pensando care amiche all’ascolto, nessuno è più multitasking di una donna, ma facciamo un po’ di posto ai nostri amici maschietti. In un presente dove la parola d’ordine è “crisi” ci ci trova a dover sbarcare il lunario in qualsiasi modo (eh sì, non abbiamo più 18 anni e le esigenze sono maggiori. Ci ritroviamo a fare due o tre lavori in un giorno, anche se non tutti retribuiti, per l’esperienza, la visibilità (l’arma più utilizzata dai datori di lavoro del 2016) o per entrare all’interno di un settore che ci interessa. E dopo il lavoro? Siamo trentenni, ma ancora sappiamo divertirci. Sì, è vero, i nostri hangover durano 4 giorni, ma non demordiamo. L’aperitivo con gli amici, la cenetta romantica con la nostra dolce metà, il weekend fuori porta: non ci facciamo mancare nulla.

Un pensiero va, infine a tutti quei trentenni che, ormai, hanno deciso di mettere la testa a posto e hanno creato una famiglia. Loro sì che sono i veri eroi!