Monthly Archives: February 2015

matrimonio invernale

Idee per scaldare un matrimonio invernale

Matrimonio d’inverno: fatti coinvolgere dalla magia!

Se stai pensando di sposarti in un periodo “gelido” come l’inverno leggi questo articolo e avrai tante idee per scaldare l’atmosfera del tuo matrimonio.

Come abbiamo detto ripetutamente, il matrimonio invernale sta prendendo sempre più piede: vuoi l’atmosfera diversa dal solito matrimonio primaverile o estivo, vuoi la crisi economica, fatto sta che ormai ci si sposa anche d’inverno per limitare le spese, ma anche perché il periodo invernale ha un tocco di magia. Insomma chi lo ha detto che il matrimonio in inverno è meno affascinante di un matrimonio in estate? Chi l’ha detto che sposarsi in inverno è una soluzione di serie b?

Certo, l’inverno avrà il suo fascino, pensiamo al periodo natalizio, alla neve e e al clima magico di luci scintillanti, ma è anche vero che il freddo non ci aiuta a godere a pieno della cerimonia. Quindi, ho pensato che era il caso di darti delle ottime idee che possono aiutare a riscaldare un matrimonio invernale. Sostanzialmente si tratta di piccoli (e un po’ meno piccoli) accorgimenti che renderanno le tue nozze invernali originali e indimenticabili.

Tutte le idee proposte possono anche essere realizzate da te, dipende sempre dal tempo e dal budget che hai a disposizione. Pronta? Iniziamo!

Dettagli e decorazioni per la tavola con lavoretti a maglia 

Parola d’ordine: creatività! Sai lavorare a maglia? Allora non rinunciare a scaldare l’atmosfera con adorabili decorazioni di lana! Un piccolo segnaposto a forma di cuore e il cuscino porta fedi lavorato a maglia. Anche deii vasetti di vetro possono essere rivestiti con i fili lana per poi essere utilizzati da porta candele e illuminare i tavoli del vostro matrimonio durante la stagione fredda!

matrimonio autunnale invernale decorazioni in lana tavoli nozze

Vin brulè e caldarroste

L’atmosfera delle cime innevate, il profumo di spezie, un buon bicchiere di vino che riscalda e mette allegria. Le caldarroste che danno quel tocco in più, anche un po’ rustico, riscaldano e danno subito l’idea di “caldo” inverno.

vin brulè caldarroste

Coperte

Nel periodo invernale fa freddo, si sa, allora perché non fornire delle coperte o scialli agli invitati?  Lasciale a loro disposizione in in cestoni posizionati nei punti strategici, ad esempio lungo le vie di accesso agli spazi esterni. Inoltre, chiedi al ristorante di fornirvi un paio di stufe da posizionare all’esterno per la zona fumatori… le coperte non è detto che basteranno! 

coperte matrimonio invernale

Caminetto

Tante location di nozze dispongono di un bel camino. Chiedi di farvelo trovare già acceso e, ovviamente, sempre scoppiettante… due parole di fronte a un bel camino accesso fanno sempre piacere e regalano quel tocco di magia e romanticismo in più. Potresti anche organizzare di posizionare delle poltroncine fronte camino e qualche candela per creare una bella atmosfera: sono sicura che sarà un successone! 

camino candele matrimonio

Cibo invernale, piatti caldi e di stagione

Lascia perdere antipasti e dolci freddi: non fanno per l’inverno! Opta per un buon menu con piatti serviti ben caldi. Ad esempio degli ottimi tortini di verdura ripiena, zuppe di ogni genere, polenta, tortelloni e piatti ricchi e gustosi. Infine un dolce con crema calda al cioccolato o un dolce di castagne delizierà e riscalderà tutti i palati.

Tisane a fine ricevimento

Insieme ai classici digestivi può essere utile aggiungere una selezione di tisane calde a disposizione dei vostri ospiti, insieme a qualche dolcetto… che non guasta mai!

tisane calde matrimonio invernale

Illuminazione calda 

Per matrimoni in inverno un buon modo per scaldare l’atmosfera è l’uso di luci calde: candele ovunque e, se proprio vuoi lasciare i tuoi ospiti a bocca aperta, decine di lampadine sospese.

idee matrimonio invernale luci

Guanti, sciarpa o cappello come bomboniera

Hai la passione per la maglia o una famiglia numerosa che se la cava con i ferri da maglia? Perché non creare delle bomboniere davvero speciali per i tuoi invitati? Un’idea utile, originale e fai da te. Gli stessi prodotti, ovviamente, possono essere acquistati.

Il matrimonio invernale ti affascina? Ecco un consiglio organizzare il tuo matrimonio romantico


SCOPRI GIFTSITTER

rist1

I 15 ristoranti più strani al mondo

Quando siete in viaggio ricercate ristoranti strani dove rimanere estasiati e sopresi? Ecco che noi di Giftsitter vi proponiamo 15 ristoranti più strani al mondo per una cena non convenzionale!

1. ATMosfera. Si chiamano ATMosfera 1 e ATMosfera 2 e sono i due ristoranti mobili di Milano. Ricavati dalla ristrutturazione di due tram, scorrono sui binari della città attraversando piazze e passando davanti ai monumenti e ai palazzi più importanti e belli di Milano. Dal gusto retrò è lo stile degli interni, 24 sono i posti distribuiti in tavoli da 2 e da 4 persone. Per il pranzo (effettuato solo se si riserva il tram in esclusiva) o la cena si può scegliere tra tre diversi menù: carne, pesce o vegetariano.

65cb77d7-e4d8-493b-b05e-8ba078b74018.

2. s’ Baggers. Siete stanchi di andare in ristoranti dove il servizio è lento e i camerieri sbagliano comanda? Da s’Baggers a Norimberga ordinate i piatti dal vostro schermo touchscreen e questi vi arriveranno direttamente al tavolo attraverso uno scivolo. Tubi metallici riempiono il ristorante come montagne russe in un parco divertimento.

bf160c0a-ed7c-46a6-8868-37c81f0a1484.

3. Neked Sushi. Se siete alla ricerca di emozioni e un pizzico di erotismo, giusto un po’ per farvi venire “l’appetito” ecco che a Los Angeles troverete un ristorante di Sushi dove una modella per la vostra cena si trasformerà in un tavolo. Ovviamente il Sushi restaurant è nel cuore della città, aperto solo ad pubblico adulto. Ambiente esotico, bellissime ragazze che potrete scegliere nel menù e che sono interamente cosparse di sushi. Magari è un’idea per un addio al celibato, no?

ristorante-body-sushi-roma

4. Alice in Wanderland restaurant. Questo è un ristorante a tema, si trova a Tokyo, non a caso. È molto stravagante: all’entrata si viene assorbiti dall’atmosfera incantata che contraddistingue l’omonimo film e ogni dettaglio è curato nei minimi particolari. Se qualcuno ha la fortuna di andare in Giappone, è sicuramente una tappa divertente e stravagante come la città che lo ospita.

lili

5. Modern Toilet Restaurant. Volete cenare comodamente su un water? Questo ristorante fa sicuramente per voi. Si trova a Kaohsiung City, Taiwan. I tavoli sono a forma di vasca da bagno, i tovagliolini di carta igienica. Per dessert gradite un dolce al cioccolato? Indovinate cosa vi portano.

modern-toilet-taipei-the-fluffy-heads

6. Chill out. Il primo ristorante i cui arredi sono interamente di ghiaccio. Si trova a Dubai, negli Emirati Arabi. La temperatura di questo ristorante rimane costante sotto i -6 gradi. Vi verrà fornito tutto il necessario per sentire meno il freddo. Vi consigliamo una cenetta in modalità fast food per evitare congelamenti e naturalmente per spendere meno.

A Saudi Arabian family drinks hot chocolate at Chillout cafe in Dubai

7. Cabbage and Condoms. Nel mondo dei cavoli e dei profilattici sarete serviti da camerieri con in testa profilattici giganti. Il curioso ristorante si trova a Bankok, in Thailandia. Il locale è di proprità di Mr Condom. Vi troverete sommersi da migliaia di palloncini di tutti i colori e i gusti! Divertente, ma con un pizzico di malizia!

cabbage-and-condoms

8. Heart Attack Grill. In questo ristorante di Las Vegas tutto è eccessivo. Il menù riporta solo i piatti più calorici del mondo, le cameriere hanno uniformi super succinte da attacco di cuore, appunto, e gli obesi mangiano gratis se superano i 160 kg di peso.

heartattackgrill-default

9. Al Mahara. La sensazione in questo ristorante all’interno del grattacielo Burj Al Arab di Dubai (chiamato anche “la vela” per la sua forma particolare) è quella di trovarsi all’interno di un sottomarino di lusso. Corridoi dal soffitto circolare conducono alle sale: qui ci si accomoda davanti a un grande acquario dove nuotano pesci di tutte le specie. Elegante ma non troppo: il dress code richiesto è casual per il pranzo e semi-formale per la sera… dopotutto siamo in fondo al mare!

dubai-al-mahara-02

10. Barbie Cafè. Caratterizzato da tavoli che terminano con tacchi a spillo, sedie che indossano il corsetto e il tutù e lampadari a forma di teiera. Le cameriere si presentano con delle coroncine sulla testa, ma l’esperienza totale la può fare il/la cliente, posizionandosi in una gigantesca scatola porta-Barbie da esposizione.

0201-barbie-630x420

11. Hajime Robot Restaurant. Voi ordinate sullo schermo touchscreen del vostro tavolo quello che volete mangiare e un cameriere robotizzato ve lo porterà in men che non si dica: questo ristorante di Bangkok serve cucina giapponese (si può scegliere tra cento proposte del menù) e proprio in Giappone è stato ideato il robot-cameriere, costruito poi da ingegneri thailandesi. Anche in cucina i cuochi sono dei robot. L’ideale per chi non ama l’attesa e le incomprensioni!

Hajime-Robot-Restaurant

12. Beer Spa Restaurant. Diciamo che è il ristorante perfetto per una serata rilassante che ha come obiettivo bere dell’ottima birra. Comodamente immersi in un bagno di birra, potrete al Beer Spa Restaurant, in Repubblica Ceca, mangiare e degustare la deliziosa birra locale. Potrete inoltre rilassarvi con la sauna finlandese e assaggiare le golosità della cucina locale.

Beer-Spa-in-the-Czech-Republic02-600x415

13. Airbus A380. Se ti piacciono gli aerei e vorresti cenare in posto del genere, ecco il ristorante ideale. Tutto ricrea l’atmosfera di quando si è in volo su un vero aereo: l’illuminazione, il personale di bordo e addirittura gli stessi bottoni presenti sugli aerei di linea per richiamare hostess e steward.

ristorante-areo-2

14. “Dorian’s”. Si chiama “Clothing Optional Dinner” la moda di cenare completamente nudi. Certo non è da tutti, ma l’idea è davvero originale e a dir poco bizzarra. Quando i clienti arrivano al ristorante si spogliano di ogni loro orpello e si accomodano completamente nudi sulla loro sedia prenotata. Uno dei ristoranti più famosi che organizza queste serate è il ristorante “Dorian’s” uno dei più famosi nella Grande Mela, situato sulla Upper West Side di Manhattan.

clothing-optional-dinner

15. Dinner in the sky. Pranzo o cena in alta quota (a 60 metri) in questo ristorante a Bruxelles con un panorama mozzafiato. Un tavolo che ospita fino a 22 commensali. Uno chef stellato che cucina le proprie specialità. Buon appetito sulle nuvole.

Dinner in the Sky Brussels 2012

Non state più nella pelle? Perché non farsi regalare un viaggio per un’occasione speciale come il compleanno, la laurea, un anniversario o le nozze? Come? Ma con Giftsitter.com!

e_shabby_0

Matrimonio Shabby Chic: il centrino della nonna fa tendenza!

Nozze Shabby: consigli per abito, fiori, decorazioni e location!

Malandato, trasandato, logoro: questa è la traduzione letterale della parola inglese shabby. Lo stile shabby chic è indubbiamente uno di quelli più alla moda in questo momento: di trasandato, però, il matrimonio shabby chic non ha davvero niente, anzi, tutto è ricercato nei minimi dettagli e nulla è lasciato al caso. Va di scena il matrimonio shabby chic, dal gusto un po’ retrò e molto di tendenza. Quindi, non solo vintage ma anche romantico e soprattutto ecologico!

Per chiarire un po’ le idee, è doveroso fare una precisazione su cosa si intende, esattamente, per shabby chic. Lo shabby chic nasce come stile di arredamento incentrato sul recupero di vecchi oggetti a cui, dopo un sapiente restauro, rimane quel delizioso e inconfondibile aspetto di vissuto.

In tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo questo stile si sta trasformando in una vera e propria corrente di pensiero che ben si sposa con la filosofia molto ecologica del riutilizzo delle cose e dei materiali. Attenzione però, il riciclo, comunque, deve essere fatto con molto buon gusto per non perdere, appunto, l’aspetto chic.

Se volete che il vostro matrimonio rispetti in pieno questo stile, dovete seguire un po’ di accorgimenti dalla scelta dei materiali a quella dei colori. Ecco che noi di Giftsitter.com abbiamo deciso di fornirvi un po’ di idee per aiutarvi nella scelta dei materiali, decorazioni e tessuti.

Prima di tutto, se volete ricreare questo stile nelle vostre nozze, iniziate a “pensare vintage”. Per un effetto shabby chic procuratevi numerosi accessori bianchi, tessuti con stampe romantiche un poco stinti, fiori romantici (rose, begonie, mazzetti di lavanda) e porcellana in stile inglese, quella che si trova nella credenza della nonna per intenderci. Come materiale ricordatevi di scegliete il legno, un legno che non deve essere perfetto, ma che deve sembrare come se fosse stato appena tirato fuori da una soffitta impolverata. Le tonalità dello shabby chic, poi, vanno dal beige all’avorio, al grigio chiaro, rosa cipria e, naturalmente, il bianco.

shabby-chic-blush-wedding

Ovviamente nulla deve essere lasciato al caso. Ad esempio, per un matrimonio shabby chic: gli inviti per gli ospiti dovranno essere realizzati in stile con tutto il matrimonio. Scegliete della carta antica e con delle stampe di fiori sopra. Scrivete a mano, con inchiostro dorato, e spedite ogni invito via posta.

bouquet-shabby-chic-20Per l’abito da sposa sceglietelo super classico, bianco o avorio, con un corpetto a cuore senza spalline, meglio se impreziosito con del pizzo, e un’ampia gonna. Un abito vintage da rimodellare ed adattare ai propri gusti e misure è un’ottima scelta green. Magari è proprio l’abito della cara nonnina? Perché no? Per il bouquet shabby chic scegliete un mazzo di lavanda annodato con un bel nastro bianco o avorio, oppure dei fiori di campo.

La sala ricevimenti è importante per ricreare l’atmosfera magica e romantica tipica dello stile Shabby. Che sia un agriturismo o una cascina, il luogo del ricevimento dovrà ispirarsi alle regole dello shabby chic, preferendo un matrimonio all’aperto piuttosto che indoor. Sono perfette, inoltre, le atmosfere rurali o agresti, con le tavole disposte in giardino. Gli elementi rustici sono essenziali per decorare l’ambiente in stile campagna inglese.

Le decorazioni sono fondamentali. Allestite la sala del ricevimento con romantiche candele, lanterne in ferro battuto ricolme di fiori di campo e ghirlande. I dettagli non saranno mai abbastanza. Sbizzarritevi nel decorare ogni angolo o pezzo di arredamento essenziale che possa attirare l’attenzione, tenendo sempre in mente che l’obiettivo è decorare senza eccessi, ma con raffinatezza ed eleganza.  La ceramica vintage caratterizza lo stile shabby chic e può fungere da splendido supporto decorativo, sia per i portafiori che come oggetto da centrotavola. Non dimenticate di giocare con i tessuti, primo fra tutti il pizzo a uncinetto, da usare in abbondanza per centrini, tovaglie e porta tovaglioli. Per la tavola potete utilizzare dei vecchi tavolacci di legno senza tovaglia, ma se desiderate invece un effetto ancora più elegante, c’è un solo tessuto da utilizzare: il lino! Sopra decorate con petali di fiore bianchi e candele dello stesso colore che galleggiano nell’acqua. Le pietanze dovranno essere servite su piatti di ceramica dipinti a mano, come quelli che si trovavano nelle credenze delle nonne.

matrimonio-shabby-chic-raffinato

Decorate il luogo dove si svolgerà la cerimonia con fiori dai toni delicati. La rosa è decisamente il fiore che fa per voi, meglio se inglese nei colori cipria, rosa antico, pesca e lilla tenue. Gerbere e begonie, in tinte delicate, andranno altrettanto bene, così come mazzetti alternativi in cui si mescolano la lavanda e le erbe aromatiche.

Le bomboniere per essere in perfetto stile shabby chic, dovranno essere fatte a mano e ricordare i prodotti che confezionavano le vostre nonne. Potete, ad esempio, regalare dei centrini all’uncinetto o, se non siete pratiche di ricamo e uncinetto, anche delle confetture sapientemente confezionate in barattoli di vetro con tappo in tessuto. Un’altra idea originale ed economica? Sacchetti di pout pourri: utili, economici, ecologici e profumati!

Lista nozze. Solitamente chi sceglie questo stile per il proprio matrimonio vorrebbe comunque una casa in stile shabby. Ma come abbiamo detto, lo shabby chic è uno stile fatto da riciclo, recupero e ricerca di materiali e oggetti originali. Non esiste un unico negozio dove andare a comprare il necessario. Piuttosto, si tratta di una ricerca di piccoli oggetti, materiali e idee originali da piccoli negozietti, rigattieri e soffitte delle nonne. Se non volete essere sommersi da una marea di oggetti che non rispecchiano il vostro stile, che potrebbero poi giacere inutilizzati per gli anni a seguire, meglio evitare la classica lista nozze. Ridurrete di sicuro la possibilità che vi vengano regalati molti complementi d’arredo in uno stile che non vi appartiene. Meglio una lista nozze online come ad esempio quella di Giftsitter.com. Potrete così raccogliere del denaro per un viaggio, per gli oggetti che realmente vi servono, per i vostri progetti futuri o riuscirete a mettere da parte i soldi per comprare una casa. Inoltre, i vostri invitati verseranno le loro quote comodamente da casa, quindi senza dover utilizzare l’auto o i mezzi pubblici, riducendo l’inquinamento! Inoltre la nostra piattaforma online vi permetterà di creare il sito web per il vostro matrimonio da personalizzare con immagini, video, informazioni riguardanti l’evento, mappe, obiettivi e oggetti desiderati. Gli sposi potranno condividere la lista e il sito del matrimonio sui principali social network e tramite email per invitare amici e parenti, anche lontani.

Party Cake

Come organizzare un diciottesimo compleanno

Come festeggiare i diciotto anni: idee e consigli pratici

Il diciottesimo anno d’età è visto come un importante traguardo perché rappresenta un passaggio importante nella vita di ogni ragazzo o ragazza. I diciotto anni rappresentano un passo fondamentale verso l’età adulta ed è considerato un momento imprescindibile, come il diploma o la laurea: segnano il momento dal quale è possibile esprimere il proprio voto, firmare le giustificazioni scolastiche o prendere la patente. È una sorta di passaggio dall’età giovanile a quella adulta nella quale vieni considerato e trattato come un individuo responsabile di te stesso. Considerando l’importanza di questo evento è molto importante festeggiarlo in maniera adeguata e organizzare una festa di 18 anni indimenticabile.

Ecco che noi di Giftsitter.com vi diamo alcuni suggerimenti su come organizzare una meravigliosa festa di diciottesimo compleanno. Buona lettura!

Una delle chiavi per il successo di una festa è pianificare in anticipo: se vi ritroverete tutto da fare all’ultimo minuto, rischierete di dimenticare qualcosa anche di fondamentale. Prima di fare qualsiasi altra cosa, impostate un budget per i preparativi.

Da dove iniziare? Ovviamente dal festeggiato! Insomma, una festa per i diciotto anni deve tenere conto dei gusti e delle esigenze del ragazzo o della ragazza che compie gli anni. Le idee possono essere tante e disparate ma non si può pensare di proporre una festa in discoteca se il diciottenne non ama andarci. L’ideale è affittare un locale adatto all’occasione e incaricare una persona per creare il giusto effetto alla serata mettendo la musica più adeguata. In alternativa, si può ingaggiare un gruppo musicale che suoni la musica preferita dal festeggiato.

Una volta risolto con il locale e stabilito il giorno e l’ora della festa, si passa agli inviti. Fatelo con un certo anticipo, anche due o tre settimane, in modo che tutti abbiano il tempo di organizzarsi per essere presenti. Non spendete soldi per gli inviti. Ormai è uso comune utilizzare internet e creare gli eventi sui social network.

festa 18 anni

Ovviamente, il locale dovrà essere addobbato convenientemente anche se è meglio non esagerare con le decorazioni, visto che si tratta di un diciottesimo compleanno. Per una ragazza andranno benissimo i fiori, oltre alle classiche decorazioni di striscioni e ghirlande colorate. Per un ragazzo anche delle bellissime le sculture fatte con i palloncini, da sistemare vicino al tavolo o all’ingresso del locale, così come le composizioni, fatte sempre con i palloncini, da appoggiare sul tavolo del buffet. Rivolgendoti ad un negozio specializzato si avrà soltanto l’imbarazzo della scelta! Per quanto riguarda i tavoli scegliere delle tovaglie uguali o che comunque armonizzino bene tra di loro con i colori. Le tovaglie di carta o quelle in tessuto non tessuto saranno perfette perché coloratissime e allegre, oltre che pratiche ed è facilmente possibile abbinare i tovaglioli, piatti, bicchieri, posate e vassoi.

Non resta che occuparsi delle vivande. Trattandosi di una festa informale, di giovani, saranno perfetti piatti semplici e non troppo elaborati. Inoltre, informatevi se gli invitati hanno qualche intolleranza alimentare, in modo da poter eventualmente preparare qualcosa anche per loro. Ricorrete a bevande e cocktail analcoliche o leggermente alcoliche e lo spumante per un brindisi finale insieme alla torta, che sarà la regina del buffet. Dovrà essere bellissima, decorata secondo il gusto del festeggiato. Invece della solita scritta di auguri, si può optare per l’aggiunta di particolari che testimonino le passioni o la vita del diciottenne. Dopo il brindisi ci può stare bene un caffè e anche i fuochi d’artificio, per segnare questo momento così importante che rimarrà indimenticabile.

Infine la lista regalo. I diciottenni ormai hanno esigenze particolari e personali. L’ideale sarebbe una lista regalo online, riuscendo così a raccogliere il denaro e utilizzarlo per realizzare grandi sogni!

Cerchi una lista compleanno gratuita e senza vincoli? Giftsitter è la lista regalo che ti aiuta a realizzare  tuoi desideri!


CREA LA TUA LISTA REGALO

masquerade-mask-wallpapers-LED

Odiate il Carnevale? Ecco perché!

La festa più burlona dell’anno non piace a tutti, anzi, diciamo che il Carnevale tra tutte le feste che si susseguono durante l’anno è la più odiata. Non ci credete? Siete tra quelli che amano mascherarsi e organizzare scherzi e burle ai vostri amici? Buon per voi, ma non tutti la pensano così. Io personalmente la reputo una festa da evitare e vi spiego subito i miei motivi che sicuramente verranno condivisi da chi come me odia questa festa.

Tra i motivi principali dell’odio verso il Carnevale vi è proprio la maschera. Vi abbiamo spiegato in lungo e in largo i motivi per cui ci si maschera, ma a certa gente come me non va proprio di mascherarsi. A cosa è dovuto il mio ripudio totale per la festa di carnevale?

imagesHo cominciato a spulciare, non senza difficoltà, nei meandri del mio cervello, andando a ritroso nel tempo, fino a trovare il bandolo della matassa. La causa di tutto allora sono le mamme che sceglievano cosa era meglio per noi. La realtà è che la mia infanzia carnevalesca è stata costellata da costumi che hanno molto minato la mia autostima, come quella di molti altri nella mia situazione: sono l’ultima di 3 figli e a carnevale mi veniva riciclato il vestito smesso della sorella più grande….un classico!

Ma il problema non è solo il mio, essere vestiti in tenera età da tigrotti, cagnolini o qualsiasi animaletto peloso o da arlecchino con delle orribili spadrillas, o da clown con parrucche oscene non aiuta a crescere come un “uomo che non deve chiedere mai” o una “femme fatale”.

Ma è solo questo il problema? No, assolutamente. Un’altra fastidiosa peculiarità del carnevale si chiamano “coriandoli“. Sì, proprio loro, i piccoli pezzetti di carta colorata che ti si infilano da per tutto, subdoli e infidi, si incastrano tra i capelli creando una sorta di matassa che nemmeno il parrucchiere più abile sarebbe capace di sciogliere. Ma poi, ammettiamolo, i coriandoli dovrebbero essere inseriti tra l’elenco delle armi di distruzione di massa, solo già per la cattiveria con cui la gente te li tira in faccia che la prima cosa a cui ti viene da pensare dopo la “botta” subita è: cosa ho fatto di male per meritarmi questo? Ai coriandoli si aggiungono stelle filanti che si attorcigliano al tuo corpo a mo’ di salame casareccio. Solo un po’ di carta, direte voi… ma forse non siete informati che l’umanità ha partorito un aggeggio infernale chiamata “bomboletta spry” che produce stelle filanti gommose e appiccicose.

Poi ci sono gli scherzi classici, prime tra tutti le fialette puzzolenti che ogni anno ti becchi solo tu nel tuo cappottino preferito (perché per i motivi sopracitati ti ostini a non travestirti più). E poi ci sono i fischietti e le trombette che ti spaccano i timpani, non so perché, ma nelle feste di carnevale nessuno li dimentica mai a casa.

L’unica soluzione sarebbe in questo periodo dell’anno scappare via, magari in un viaggio lontano. Non so voi, ma io l’anno prossimo mi faccio un bel viaggetto, per il mio compleanno apro una lista su Giftsitter e raccolgo i soldi necessari per la mia fuga. Perché Giftsitter realizza tutti i desideri!

23371468877234938276

Sposarsi o non sposarsi, questo è il dilemma!

Perché ti sposi? Vi sembra una domanda banale? Sì o no? Nel momento in cui si decide che è arrivato il grande momento di unirsi in matrimonio ci si dovrebbe fare almeno una volta questa domanda, Perché? Beh, consideratemi all’antica, ma il matrimonio è per sempre, quindi è un passo da fare con coscienza e sicurezza. I tentennamenti non sono accettati!

Non pensate alla bella festa, all’emozione della cerimonia, alla felicità di vivere un giorno da principessa. Provate, invece, a riflettere sul fatto che il Sì che direte all’altare, o davanti al sindaco, sarà per la vita. Per tutta la vita sarete uniti nella buona e nella cattiva sorte, litigherete e farete pace, avrete dei figli e dei sogni, ma anche problemi e momenti difficili. Siete pronte a non mollare mai? Il “sì” istintivo appare la risposta più ovvia, ma da qui a farlo diventare l’impegno di una vita occorre una motivazione forte e incrollabile.

Noi di Giftsitter.com vogliamo mettervi alla prova e suggerirvi i motivi giusti per cui vale la pena sposarsi e, ovviamente, anche i motivi sbagliati per cui è meglio lasciar perdere.

soft_love

Iniziamo con le motivazioni sbagliate!

  • Non sposatevi perché lo fanno tutti  vostri amici. Questa la potremmo chiamare “sindrome della zitella”. Attacca spesso le donne ed è accomunato dall’idea che si è già raggiunti una certa età e che si ha paura di rimanere soli, allora la soluzione che sembra più ovvi è quella di sposarsi con il fidanzato di turno, che sia la persona giusta non importa!
  • Non sposatevi perché siete fidanzati da tempo. Quando vi sposate? è la classica domanda che vi fanno le zie ogni volta che vi incontrano. Dalle mie parti si dice che dopo un bel po’ di anni di fidanzamento o ci si sposa o ci si lascia. È giusto sentirsi in obbligo di doversi sposare per far piacere ad amici e parenti?
  • Non sposatevi solo per indossare l’abito bianco o per la festa che verrà dopo la cerimonia, riflettete invece a quello che verrà dopo il ricevimento. Se avete caratteri incompatibili è difficile andare d’accordo e se non siete disposti a fare dei compromessi la vostra unione non durerà a lungo. Soprattutto non fate l’errore di voler cambiare il carattere del vostro partner, fatica sprecata, se vi sposate con la speranza che lui prima poi cambi allora cambiate idea immediatamente perché vorrà dire che voi amate qualcuno che in realtà non esiste.
  • Non sposatevi per uscire di casa. Gesto ribelle, tipico di qualche decennio fa oggi in voga tra le coppie più giovani, che si rischia di pagare, prima o poi. Spesso si riflette troppo tardi sul passo compiuto. E poi come si risolve?
  • Non sposatevi se non stimate il vostro futuro marito o la vostra futura moglie. Sembra scontato eppure succede spesso. Passata l’euforia la realtà non perdona mai! L’innamoramento annebbia la mente, il matrimonio acceca, ma poi la vita costringere ad aprire gli occhi. E spesso ci si imbatte in grandi delusioni.
  • Non sposatevi se pensate che dopo il matrimonio cambierà il suo carattere. Errore banalissimo: è molto pericoloso innamorarsi di qualcuno non per come è, ma per come si vorrebbe che fosse. Cercare di cambiare l’altro è l’errore più grande che si possa mai fare! Questo si lega spesso anche alla sindrome della crocerossina tipica delle donne che cercano di salvare il proprio lui da se stesso. Se siete così, datemi retta, siete più adatti al volontariato che al matrimonio.

Se i nostri suggerimenti fanno scattare in voi un campanello d’allarme allora vi consigliamo di tornate sui vostri passi e, se possibile, rimandate il Sì. Come capire invece che si sta facendo il passo giusto? Ecco le giuste motivazioni per sposarsi.

  • Per amore. Sembra scontato, eppure è la buona ragione in assoluto per fare il grande passo. Siete solo voi due nell’universo e non potete pensare a una vita diversa senza la vostra metà? Allora siete sulla strada giusta.
  • Per la complicità. Essere complici l’uno dell’altra è la cosa più romantica al mondo. Il desiderio è quello di crescere insieme e costruire un rapporto a prova di noia realizzando i progetti che entrambi sognate.
  • Per la sicurezza nel partner. Sposarsi significa essere in due a sopportare pesi e fatiche, aiutarsi a vicenda, ma anche litigare senza paura, convinte che ogni discussione, lungi dall’essere una minaccia per il rapporto, serva a conoscersi un po’ di più. 
  • Per il desiderio di una famiglia, di mettere al mondo dei bambini e naturalmente desiderio di crescerli insieme. In fondo che c’è di meglio che avere dei figli dalla persona che si ama? I figli devono essere voluti da entrambi e crescerli comporta sacrifici. Assicuratevi di essere assolutamente d’accordo su questo punto.

Quindi avete preso la vostra decisione? Vi sposate? Se sì allora potete procedere con i preparativi delle nozze: alla lista degli invitati, alle partecipazioni, al tableau de mariage, al guest book, alle fedi, alle wedding bag, alla luna di miele…

E per la lista nozze? Giftsitter.com è l’unica lista nozze senza costi e senza vincoli riguardo a rivenditori, prezzi o prodotti, scegliendo liberamente cosa fare del tuo denaro

venezia-passeggiata_2a789.T0

Carnevale: perché ci si maschera?

In questo clima festoso e goliardico, cominciato oggi, giovedì grasso, vedremo sfilare carri, ci lasceremo travolgere da una pioggia di coriandoli, saremo invitati a numerose feste in maschera e, quindi, saremo alla ricerca delle maschere più originali per far colpo sui nostri amici e stupirli. Ma vi siete mai chiesti perché a carnevale ci si maschera? Noi di Giftsitter.com abbiamo cercato di dare una risposta a questa domanda e, come al solito, abbiamo scoperto che questa tradizione affonda le sue radici nella storia più antica.

Simbolicamente il mascherarsi indica il mezzo attraverso cui rinnovarsi, cambiando pelle. In generale gli schiamazzi e la baldoria carnevalesche rappresentano una sorta di mezzo di purificazione per tornare ad un ordine più sereno, ritemprati dallo sfogo e dal divertimento, ma servono anche ad allontanare gli spiriti cattivi e ad esorcizzare la morte.

sexy-pagliaccio

Quindi, nel corso della storia la maschera ha assimilato differenti significati e a seconda della cultura se n’è fatto un diverso uso. È divenuto oggetto rituale, teatrale o goliardico; ma c’è una cosa che accomuna tutti gli usi di ciascuna cultura, ed è la perdita dell’identità da parte di chi la indossa. In assoluto, la maschera ha la funzione di proteggere la persona per permetterle di agire impunemente, di conservare l’anonimato, la sua identità, o la sua neutralità.

Effettivamente, la maschera è un misterioso oggetto che ci ha accompagnato sin dalle origini. I popoli primitivi usavano travestirsi con pelli e altri oggetti per imitare le movenze degli animali e coprirsi il volto nelle cerimonie spirituali per svolgere funzioni propiziatorie. Indossata durante le danze da parte di un privilegiato, diveniva un mezzo che metteva in contatto l’uomo con energie della natura e spiriti. Nelle popolazioni arcaiche, infatti, si pensava che, mascherandosi, gli spiriti dei defunti fossero invitati a venire sulla terra. A essi veniva data la possibilità di divertirsi e fare baldoria in cambio però di raccolti abbondanti. Il danzatore perdeva così la propria identità e trovava quella dello spirito, il quale attraverso di lui avrebbe agito apportando benefici alla società.

In Occidente l’utilizzo della maschera è attestato sia durante i riti Dionisiaci della Grecia antica e sia nei Saturnali romani. Infatti, si crede che sia proprio questa la tradizione pagana dalla quale derivi il carnevale odierno. In queste festività venivano rovesciate tutte le gerarchie sociali e l’ordine precostituito; gli schiavi potevano considerarsi liberi e la classe nobile poteva essere derisa. Avveniva lo stesso durante il Carnevale della Venezia medievale, dove con la maschera sul viso si poteva trasgredire qualsiasi regola e si era liberi persino di insultare il doge.

La burla e trasfigurazione dei potenti sono il copione per eccellenza che sta dietro alle maschere tradizionali del carnevale italiano, giunte sino a noi dalla Commedia dell’arte. Nel teatro del Cinquecento Arlecchino, Pulcinella, Brighella, Colombina erano le maschere fisse di servitori furbi e senza scrupoli che si prendevano gioco dei loro padroni.

A prescindere da tutto, se ci chiediamo perché si festeggia Carnevale, oggi come ieri, la ragione principale risiede nell’esigenza di capovolgere l’ordine stabilito, seppur rimanga un capovolgimento autorizzato, limitato e controllato nel tempo e nello spazio dall’autorità costituita. Non a caso, a Carnevale ogni scherzo vale!

Ovviamente, adesso che sapete il perché ci si maschera a Carnevale, avrete un motivo in più per partecipare a una delle tante feste in maschera organizzate dai vostri amici. Cosa? Ti hanno incaricato di raccogliere le quote di partecipazione e per questo vuoi dare forfait? Perché dovresti farlo? A raccogliere le quote ci pensa Giftsitter.com!

 

mani-mondo

Viaggi surreali: 8 mete da non perdere!

Per il vostro prossimo viaggio siete alla ricerca di un posto surreale dove rimanere estasiati dalla bellezza della natura? Ecco che noi di Giftsitter vi proponiamo ben 8 mete mozzafiato, per un viaggio non convenzionale!

1. Zhangye Danxia, in Gansu, China.  Circa 300 chilometri quadrati di “arcobaleno”, uno scenario degno di un mondo fantastico. Si tratta di una zona a bassa piovosità vicina al deserto del Gobi. Colori sulla roccia nati dalla combinazione della sabbia rossa con i depositi minerali, che si sono accumulati da oltre 24 milioni di anni. Le increspature della terra, causate dalla collisione della placca indo-australiana con l’Eurasia, hanno portato alla nascita di questo paesaggio surreale. Sicuramente è uno degli spettacoli naturali da vedere almeno una volta nella vita.

luoghi-surreali-018

2. L’abisso blu in Belize. Una voragine nel mare al largo della costa del Belize. Questo è uno dei migliori luoghi al mondo per gli appassionati di immersioni subacquee, infatti la profondità è di ben 407 piedi. Per i più curiosi, sappiate che questa enorme voragine nel mare si è formata in realtà come una qualsiasi altra grotta calcarea, poi sprofondata in seguito all’innalzamento degli oceani con la completa invasione dalle acque marine.

The-Great-Blue-Hole

3. La grotta di Hang Son Doong nella provincia di Quang Binh, in Vietnam. Cosa dire se non che Son Doong è la grotta più grande del mondo, formata 2–5 milioni di anni fa. Se siete appassionati di speleologia non potete perdervela!

hang-son-doong-cave-vietnam-3

4. L’antica regione dell’Anatolia, in Turchia. Qual è il confine tra fantasia e realtà? Difficile da capire in questo luogo. La zona è una importante area turistica e una delle mete preferite per le escursioni in mongolfiera, vi sembrerà di essere immersi in un paesaggio lunare data la stranezza delle rocce presenti.

image7

5. Mare di stelle sull’isola di Vaadhoo, Maldive. Se Parigi non è troppo romantica per voi, ecco a voi una meta sicuramente tra le più romantiche al mondo. Sfido chiunque a non trovare romantico un “mare stellato”. In realtà è tutto dovuto alla luminosità particolari microbi marini che dà la sensazione di vedere le stelle immerse nel mare. L’effetto è assolutamente mozzafiato.

luoghi-surreali-009

6. L’Antelope Canyon, Arizona, Stati Uniti. L’Antelope Canyon è lo slot canyon più visitato degli Stati Uniti sudoccidentali. Si trova sulla terra Navajo vicino a Page, Arizona. I colori delle rocce e le striature sono davvero sorprendenti!

luoghi-surreali-007

7. Lago Baikal, Siberia. Amanti del freddo? Eccovi accontentati! Il lago Baikal è il lago di acqua dolce più grande e antico del mondo. In inverno il lago si congela, ma l’acqua è talmente chiara che si possono vedere i 40 metri di profondità sotto lo strato di gelo. Nel mese di marzo, le gelate e il sole provocano delle crepe sulla superficie, lasciando apparire frammenti di ghiaccio di color turchese.

luoghi-surreali-014

8. La cascata bianca di Pamukkale, Turchia. Siete in cerca di relax? Immergetevi nelle piscine naturali a Pamukkale. Nel corso di milioni di anni, le sorgenti calde di Pamukkale hanno trasformato completamente il paesaggio fino a creare delle vere e proprie piscine naturali. Anche se può sembrare che queste terrazze siano fatte di ghiaccio e neve, è tutto un effetto ottico. Inoltre, la Turchia ha un clima caldo tutto l’anno quindi, tranquilli, potete tranquillamente concedervi un bagno: il suolo è coperto da calcare bianco.

luoghi-surreali-025

Non state più nella pelle? Perché non farsi regalare uno di questi viaggi per un’occasione speciale come il compleanno, la laurea, un anniversario o le nozze? Come? Ma con Giftsitter.com!

6C7517881-tdy-130522-wedding-portrait-2.blocks_desktop_large

Solo-wedding: mi sposo anche se sono single!

Zitella io? No, mi sposo con me stessa e sono felice!

Credevamo di averle sentite davvero tutte, ma a quanto pare non è così e noi di Giftsitter siamo sempre pronti a tenervi informati su ogni particolarità e stranezza del mondo.

Questa volta al centro dell’attenzione sono le donne: magnifiche creature di grande ingegno che, ahimè, ai giorni d’oggi si ritrovano senza accanto un principe azzurro (come dissi tempo fa, anche uno stinto andrebbe benissimo, ma, a quanto pare, anche quelli sono fuori produzione).

single sto cercando di smettere“Sei la persona più importante della mia vita”, chi non vorrebbe sentirselo dire, però non è così semplice. Credete di aver una sorta di nuvola fantozziana sulla vostra testa che non vi procura altro che sfortune amorose o semplicemente siete fiere di essere single e potreste scrivere un libro con il titolo “memorie di una sigle incallita”. Beh, che sia una scelta personale o no, ormai è appurato: il popolo delle donne single in età da matrimonio sta crescendo a dismisura. Lo so, lo so, tutte le vostre amiche sono sposate o sono in procinto di organizzare le loro nozze e non credete a quello che vi sto dicendo, ma è così, fidatevi!

Quale sia la vera causa di questo “scempio” è sempre un mistero, le trasmissioni di “chiacchiericcio pomeridiano” non fanno altro che propinarci degli stereotipi a cui aggrapparci. “La colpa delle donne troppo occupate a crearsi una carriera”. Bah, ci credo poco, le donne sono multitasking in 24 ore sono capaci di tutto: meglio non sfidarle! “La colpa degli uomini affetti dalla sindrome di Peter Pan e incapaci di prendersi delle responsabilità”. Può essere, ma non facciamo di tutta l’erba un fascio, molti uomini sono proprio quello che noi care donnine stiamo cercando; certo, il problema è che non tutte abbiamo le doti di un cane da tartufo e l’impresa è ardua (nessuno ha detto che sarebbe stato facile). Che poi ammettiamolo e cerchiamo di essere sincere con noi stesse, spesso siamo un po’ troppo prese ad analizzare ogni dettaglio che ci perdiamo in un bicchiere d’acqua. Avrà avuto ragione Freud quando diceva che “una domanda alla quale non sono riuscito a rispondere, nonostante 30 anni di ricerche sull’animo femminile, è: “Cosa vuole una donna?”? Agli uomini l’ardua sentenza!

Solo-weddingMa torniamo a noi. Sarà capitato a tutte almeno una volta nella vita di sognare ad occhi aperti di attraversare la navata in uno scintillante abito bianco di seta, con tanto di tiara in stile Cenerentola, con tutti gli occhi puntati su di noi (eh tu, sto parlando proprio con te che scuoti il capo in senso di disappunto, non dire che non è vero, non ci crede nessuno). La mia domanda è: ne avete proprio bisogno mie care? Infatti, dal Giappone (ho sempre pensato che sia un grande popolo di mentalità aperta) ecco che arriva la soluzione: si chiama solo-wedding e si propone come una valida alternativa al matrimonio tradizionale. Il perché è semplice: chi, se non voi, potrebbe essere la vostra anima gemella? Tutta la vita alla ricerca della persona giusta per poi ritrovarvela davanti agli occhi all’improvviso… guardandosi semplicemente allo specchio! Sì siete proprio voi!

L’idea è venuta al tour operator Cerca Travel che propone un pacchetto di due giorni, che si rivolge in particolare alle donne in carriera, a cui non mancano i soldi da spendere bensì un uomo con cui condividere “il giorno più bello”. Alla base c’è un semplice presupposto: se ci si ama perché rinunciare a un’esperienza come il giorno del matrimonio, ai suoi preparativi e al fatto di essere, anche soltanto per poche ore, al centro dell’attenzione?

Durante i due giorni due giorni ci si occuperà della scelta del vestito da sposa e del bouquet floreale, dell’organizzazione di una sorta di addio al nubilato, un trattamento in un beauty-centre, per poi concludere con il trucco e parrucco: la sposa  adesso è perfetta per il servizio fotografico. È possibile richiedere, per 54 mila yen in più (circa 370 euro), la presenza di un modello che nelle foto prenderà il posto dello sposo.

L’iniziativa ha riscosso un successo enorme! Nel sito dell’agenzia si legge:

Siete sole e non sapete se avrete mai l’occasione di sposarvi? Questo è il momento buono per indossare un abito da sposa e avere le vostre foto di matrimonio quando siete ancora giovani e belle.

Le più ciniche staranno pensando che il mondo ormai è alla deriva e che l’apocalisse e vicina! In effetti, se questo “matrimonio” dovesse andar male, pensate a quanto sarebbe faticoso dover divorziare da se stessi! E voi cosa ne pensate? Fareste mai la scelta di un matrimonio del genere?

Se la risposa è sì, allora non dovete rinunciare a nulla, viaggio di nozze e lista nozze compresi.

Grandi progetti da realizzare?


SCOPRI GIFTSITTER

parigi-162966

Viaggi: 10 buoni motivi per visitare Parigi (anche da single)

Come diceva Audrey Hepburn interpretando Sabrina, “Parigi è sempre una buona idea“. Di fatti, Parigi non può mancare nel curriculum di ogni viaggiatore che si reputi tale: è innegabilmente una città il cui fascino è difficile da eguagliare.

Oltre a essere in assoluto la città più visitata al mondo (28 milioni di turisti all’anno, di cui 17 milioni stranieri), Parigi è da sempre considerata la città più romantica ed elegante, oltre che la capitale dell’arte e della moda (oltre alla nostrana Milano ovviamente).

398964__i-love-paris_pPrima di tutto dovete partire dal presupposto che la Ville Lumière, come viene chiamata Parigi dai suoi cittadini, è grande, grandissima, e le cose da fare e da vedere sono davvero tante. Semplicemente impossibile pensare di riuscire a vedere tutto in un weekend o in una manciata di giorni. Per scoprire tutta la città ci vorrebbe una vita intera, ma forse neanche quella sarebbe abbastanza. Quindi bisogna fare delle scelte in base al tipo di viaggio che si intende intraprendere e, soprattutto, il modo in cui si vuole vivere la città!

Una luna di miele o un viaggio romantico per San Valentino sono ormai dei cliché. Ma Parigi è solo questo? Non credo proprio! Come scrisse Ernest Hemingway, “ci sono solo due posti al mondo dove possiamo vivere felicemente: a casa e a Parigi“. Come non dargli ragione? I motivi per visitare Parigi sono davvero tanti e adatti a chiunque, non solo alle coppiette innamorate!

Quindi se siete alla ricerca di una meta per il prossimo viaggio con un amico, con il partner o anche da soli, beh, Parigi è sempre la meta adatta! Ecco che noi di Giftsitter.com abbiamo stilato la lista dei 10 buoni motivi per visitare Parigi (anche da single). 

1 – I musei! Una visita di Parigi non può prescindere da una visita al Louvre, il museo più importante della città e il più visitato al mondo. Non siete così amanti dell’arte da dovervi “sciroppare” un’intera giornata al Louvre? Beh, per fortuna non c’è solo il Louvre: a Parigi si contano circa 180 musei diversi, dai più noti – Museo d’Orsay, Centre Pompidou, Museo dell’Orangerie, Museo Carnavalet – a quelli meno famosi ma non per questo meno interessanti, di cui alcuni anche bizzarri, come il Museo del vino, il Museo della magia o il Museo delle fogne. Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti! Certo, un po’ costoso andare al museo, ma se riuscite a conciliare la vostra visita con la prima domenica di ogni mese, scoprirete che molti di questi sono gratuiti, invece, lo sono tutti i giorni per chi ha meno di 26 anni!

Afb. 2 Blaise Ducos

2 – L’atmosfera bohémienne di Montmartre. Parigi senza tuffarsi nelle atmosfere magiche di Montmartre non ha senso! Il quartiere dove un tempo si ritrovavano artisti e letterati è romantico (se siete in compagnia del vostro lui o della vostra lei), ma estremamente interessante se siete da soli o semplicemente con degli amici, Qui vissero Picasso, Renoir, Van Gogh, Modigliani e tanti altri. Tra strade acciottolate, artisti di strada e antichi caffè, si scorge la splendida basilica del Sacre Coeur. Il segreto è inebriarsi dell’atmosfera bohémienne della Parigi della Belle Époque. Anche se Montmartre è più di questo: potrete scoprire luoghi affascinanti e inesplorati tra le stradine scoscese, personaggi bizzarri e solitari, luoghi fantastici e sorprendenti. Avete ancora bisogno di qualche altro indizio? Beh, Amelie è una buona ragione (gli amanti del cinema hanno già capito). Non vi basta ancora? Scendete le scale a passi di can can ed ecco il Moulin Rouge!

4703-2-grande-2-_mg_2169_ch-mouton-oton-1594154679-o

3 – La Tour Eiffel. Considerata una bruttura ai tempi in cui fu costruita, tanto da aver pensato di smontarla, oggi non potete certo dire di essere stati a Parigi se non siete saliti sulla Tour Eiffel, simbolo per antonomasia della “Ville Lumiere” e punto più alto dell’intera città. Se andate in primavera o in estate approfittatene per godervi un bicchiere di champagne allo Champagne Bar, all’ultimo piano della torre, aperto tutti i giorni fino alle 22.30. Un consiglio? Per evitare la folla arrivate presto la mattina o verso mezzanotte (l’ultimo ingresso è alle 24) e fare i biglietti prima.

Paris-Eiffel-Tower

4 – Passeggiare lungo gli Champs-Élysées. L’Avenue des Champs-Élysées è una delle strade più famose e straordinarie al mondo. Concedetevi una passeggiata per ammirare il viale maestoso e le vetrine dei negozi più lussuosi (se poi potete concedervi un piccolo regalo, fatelo!). Il viale corre per quasi 2 km da Place de la Concorde all’Arco di Trionfo, nel cuore storico della città. Il viale era una via alla moda già alla fine del XVIII secolo: anche Maria Antonietta era solita fare passeggiate qui. E voi siete da meno? Non direi! Ricordate solo di vestirvi in modo decoroso, potreste imbattervi in “ragazzoni” alti due metri che vi chiedono gentilmente di non entrare in pantaloncini e infradito in uno dei lussuosi negozi… si sa, la classe non è acqua!

filepicker-gmJqTOmFSXyN1762qluW_les-champs-elysees-au-crepuscule

5 – Gustare la cucina tipica. Non potete permettervi i prezzi dei ristoranti degli Champs-Elysées? Non preoccupatevi, c’è un’alternativa molto più economica e molto più gustosa. Resistete alla tentazione di mangiare italiano all’estero e fatevi ammaliare dal cibo dei nostri cari cugini francesi! Una valida opzione è andare in una brasserie tipica locale, magari in una zona poco turistica della città, come ad esempio Belleville. Non potete andare via da Parigi senza prima aver assaggiato una fonduta (al formaggio o bourguignonne) o un piatto di carne tipico della cucina francese. E le crepe? Ovvio che sì: dolci o salate che siano, non bisogna rinunciarci!

pntrid6 – Una passeggiata lungo la Senna. Cosa c’è di meglio di una romantica passeggiata lungo la Senna? Ogni momento della giornata è buono e ci sono diverse possibilità: a piedi, noleggiando una bicicletta oppure concedendosi una romantica crociera notturna su un battello. Parigi di notte è uno spettacolo di luce. Siete single? E allora che problema c’è? Potete concedervi uno spettacolo piacevole per gli occhi e una passeggiata digestiva notturna!

7 – I parchi. Concedetevi una pausa di relax sui prati di uno dei tanti parchi cittadini, come ad esempio il parco delle Tuileries, di Place de Vosges, degli Champs de Mars o di Vincennes. Questi sono gli stessi parchi in cui passeggiavano e trovavano ispirazione i pittori impressionisti. Inoltre vi potrete mischiare ai ragazzi e alle famiglie parigine captando i loro usi e abitudini.

8 – La reggia di Versailles. Altro must irrinunciabile a Parigi è senza dubbio la reggia di Versailles, appena fuori Parigi. Lo sfarzo e la regalità di questo palazzo, nato dai capricci di Luigi XIV, lo rendono uno dei palazzi più belli e grandi al mondo. Se ci andate la prima domenica del mese, come succede per i musei, l’ingresso è gratuito.

shutterstock_56.3d304145128.original_cfilip_fuxa-shutterstock.com_

9 – Il cimitero di Père Lachaise. Se siete dei romantici e nostalgici non perdetevi il cimitero di Père Lachaise, un cimitero labirintico e affascinante dove si trovano le tombe di grandi artisti come Balzac, Oscar Wilde, Proust e Chopin, ma non solo. Anche Jim Morrison è sepolto qui. L’ingresso è gratuito (non ditemi che visitare Parigi è costosa).

10 – La metropolitana di Parigi è una delle più antiche d’Europa. Grazie alle sue 14 linee è inoltre possibile raggiungere ogni angolo della cità. Un suggerimento? Andate alla scoperta anche di zone meno turistiche della città: scendete a Belleville, Pyrénées o Jourdain. Fermatevi al lampione davanti agli scalini di rue de Belleville: si dice che Edith Piaf sia nata proprio qui.

metropolitana parigiOvviamente ci sono tante di quelle cose da vedere e per cui vale la pena andare a Parigi che è impossibile elencarle in soli dieci punti! Magari ne serviranno degli altri. Ma con questo piccolo assaggio non vi è venuta voglia di fare le valige e partire? In coppia, con amici o da soli, Parigi è una delle città europee che offre tantissimo da visitare! 

Perché non farsi regalare questo viaggio per un’occasione speciale come il compleanno, la laurea, un anniversario o le nozze?


CREA LA TUA LISTA VIAGGIO